Lezione sostenibilità Livia Firth a Ied

Studenti impegnati in creazione capsule collection green

(ANSA) - FIRENZE, 10 GEN - La moda del futuro dovrà essere sempre più green. A lanciare la sfida in occasione di Pitti Immagine 93 è l'Istituto europeo di design con quattro giorni di attività e un incontro con Livia Giuggioli Firth, designer e ideatrice di Eco-Age, fondazione attiva nella promozione di processi produttivi meno impattanti nell'universo fashion e consumi più consapevoli. Livia Giuggioli Firth è arrivata alla scuola per incontrare gli studenti provenienti dalle sedi di Milano, Roma, Firenze, Torino, Venezia, Como - Accademia Aldo Galli, Cagliari e Barcellona, che dovranno cimentarsi con materiali e tecniche sostenibili per la produzione di capsule collection eco-friendly. EcoEgo è il nome del progetto studiato da Ied che impegna gli studenti nella creazione di una capsule collection green e le ispirazioni suscitate da Tiziano Guardini, designer attento ai temi della moda sostenibile, vincitore del premio CNMI Green Carpet Talent Competition, part of The Green Carpet Fashion Awards - Italia, contest internazionale promosso dalla Camera della Moda di Milano in collaborazione con Eco-Age.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere