Calenda a Pitti, spendiamo bene risorse

Piano Made in Italy rifinanziato, puntiamo sulla sostenibilità

(ANSA) - FIRENZE, 9 GEN - Alla via da oggi alla Fortezza da Basso Pitti uomo edizione numero 93: 1.244 i marchi presenti, attesi 36.000 visitatori, di cui 24.000 compratori.  E' il cinema il tema guida, a firma di
Sergio Colantuoni, della 93/a edizione della salone della moda maschile

Alla cerimonia di apertura di Pitti è intervenuto il ministro Carlo Calenda che ha detto: "I soldi ci sono, ma non è una questione di soldi, è di cosa ci vogliamo fare", confermando l'approvazione del piano per il Made in Italy per i prossimi 3 anni (con relative risorse), e portando l'attenzione sui temi del futuro per la moda: sostenibilità e reciprocità. "Abbiamo costruito un meccanismo di governance - ha detto - che non deve cadere col Governo ma andare avanti. Dobbiamo sempre immaginare formati diversi, cambiare la tipologia di eventi. Il classico cambia, i canali di vendita cambiano. Cambiano anche i calendari". Ha poi detto che prima della fine di gennaio è in programma un'iniziativa in Europa, con Camera della Moda, sul tema della sostenibilità: "Credo debba entrare in maniera sempre più importante. Se fai un accordo di libero scambio con un paese produttore di tessile, quel paese ne può beneficiare se e solo se rispetta criteri minimi di sostenibilità. Questa è la seconda fase della globalizzazione, che deve essere riequilibrata".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere