Maltempo, esondato Serchio in Lucchesia

Danni per vento nel Fiorentino, famiglie evacuate

Sarà dichiarato lo stato d'emergenza regionale a seguito dell'ondata di maltempo che si è abbattuta sull'alta Toscana, in particolare su Garfagnana e Lunigiana, nelle province di Lucca e Massa Carrara. L'annuncio è stato fatto nel pomeriggio ad Aulla durante l'incontro che il direttore difesa del suolo e protezione civile della Regione Toscana, Giovanni Massini, su incarico del governatore Enrico Rossi, ha avuto con i sindaci dei comuni della zona e con il presidente della Provincia di Massa Carrara. In precdenza Massini aveva incontrato il presidente della Provincia di Lucca, Luca Menesini, e il prefetto di Lucca, Maria Laura Simonetti. 

Riguardo alla provincia di Lucca a Castelnuovo Garfagnana tre frazioni sono isolate a causa di una frana che blocca l'accesso. L'unico percorso alternativo esistente è superiore ai 15 chilometri e sono già in corso gli interventi di somma urgenza per ripristinare i collegamenti. Per quanto riguarda Stazzema, è franato un lato del monte a circa un chilometro dal centro abitato ostruendo completamente la carreggiata. Si stima che si siano riversate sulla strada circa 80 metri cubi di fango e detriti. La ditta incaricata con somma urgenza è sul posto da alcune ore e e sta lavorando per portarli via e ripristinare la viabilità su almeno una carreggiata. E' sotto monitoraggio la situazione di un muro di contenimento sulla strada provinciale 38 per Coreglia Antelminelli: se non reggesse isolerebbe tutta la frazione e si sta valutando come intervenire. A Volognana una caduta massi poco prima di Gallicano ha bloccato la strada provinciale 20. A Vagli di Sotto a scopo precauzionale sono state evacuate 5 persone e trasferite in albergo per una colata di fango dal torrente della Grondaccia. A Borgo a Mozzano, dopo l'allagamento della sede stradale avvenuto alle 4,30 causato dal fiume Serchio che è esondato e poi rientrato all'altezza del Ponte del Diavolo sulla strada provinciale del Brennero, le squadre Anas e del volontariato sono intervenute per il ripristino: la strada è stata poi riaperta a fine mattinata. 

Problematiche per frane anche nel territorio della provincia di Massa Carra: interrotta la circolazione sulla provinciale 69 di Casoni nel comune di Mulazzo, che non è isolato, e anche sulla sp Monte di Valle nel comune di Tresana. Sulla provinciale 15 in fase di risoluzione la frana nella frazione di Lucignano, nel comune di Casole. A Fivizzano infine, nella frazione di Piandila che conta 15 residenti, in corso la verifica su un'erosione spondale nei pressi del ponte sul torrente che collega la frazione.

Tre famiglie sono state invece evacuate dalle loro abitazioni che hanno subito danni al tetto per il forte vento a Dicomano, nel Fiorentino. Un'altra persona ha dovuto lasciare la sua casa minacciata da un grosso pino pericolante a Firenzuola, in località Pietramala. In entrambi i casi sono intervenuti i vigili del fuoco.

Ad Arezzo traffico ferroviario bloccato sul binario uno della stazione ferroviaria a causa della scoperchiatura parziale del tetto di un magazzino adiacente, per il forte vento.

Da stamani sono invece ripresi i collegamenti da e per l'isola d'Elba con Piombino (Livorno), interrotti ieri a causa del maltempo. Traghetti regolari anche per Capraia.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere