Campus-beffa, trentenne ai domiciliari

Utilizzava logo Udinese per attrarre baby calciatori

(ANSA) - LA SPEZIA, 6 OTT - Sfruttando in maniera illegittima il logo e il marchio dell'Udinese aveva beffato una ventina di famiglie, organizzando un campus estivo di calcio di 7 giorni e acquisendo le iscrizioni dei giovani e sparire. Protagonista della vicenda, avvenuta in Maremma, uno spezzino di 36 anni, al quale i carabinieri di Sarzana hanno notificato la sentenza, divenuta definitiva, a un anno di reclusione da scontare ai domiciliari, e a 3000 euro di multa. I fatti risalgono al 2012, quando il trentenne, in passato collaboratore del club friulano, aveva utilizzato senza che l'Udinese ne fosse in alcun modo a conoscenza, il logo e il marchio industriale del club, inducendo le famiglie a stipulare l'adesione al campus estivo sotto l'inesistente patrocinio dell'Udinese. Ai genitori che avevano iscritto i figli pagando fino a 400 euro, l'uomo aveva comunicato dei rinvii fino a sparire. L'uomo, accusato di concorso in truffa e in contraffazione di marchi, aveva patteggiato la pena davanti al gup del tribunale di Grosseto.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Alessandro Caneschi - BC Servizi

Orafi e BC Servizi, storia di un lungo sodalizio

L'azienda di Arezzo, leader nella realizzazione di prodotti di design, è da sempre al fianco della categoria: «Gestiamo ogni fase della progettazione», spiega Alessandro Caneschi


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere