Vescovo Livorno, basta burocrazia

Pioggia colpevole?Senza riassetto idrologico altre albe dolorose

(ANSA) - LIVORNO, 13 SET - "Se la burocrazia con le sue terribili leggi inerziali, non cede il passo a pronti interventi di riassetto idrologico del nostro territorio a partire da Montenero e Valle Benedetta, potremo presto rivedere un'alba piangente come quella del 10 settembre". Così il vescovo di Livorno Simone Giusti, nell'omelia ai funerali in Duomo delle quattro vittime della famiglia Ramacciotti.
    "Ma il torrente e la pioggia esagerata sono i colpevoli? Ma ciò non doveva succedere - ha detto Giusti -, l'invaso era stato costruito proprio lì perché si riteneva impossibile potesse esondare". "L'uomo crede di poter tutto prevedere ma sovente si trova davanti all'imprevedibile e tutto ciò purtroppo non è privo di conseguenze: quanto dolore oggi e per chissà quanti anni e in quante persone. Con umiltà e forte determinazione questa protervia umana deve cedere il passo all'umiltà e a concreti piani di evacuazione per aree a rischio esondazione".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere