Spazio: Plato, a caccia 'gemello' Terra

Cuore della sonda 26 telescopi progettati da astrofisici veneti

(ANSA) - PADOVA, 21 GIU - E' 'made in Padova' il cuore della sonda Plato, nome della missione spaziale, adottata dall'Esa nel recente incontro di Madrid, che dal 2024 cercherà un possibile 'gemello' della Terra, esplorando un milione di stelle fuori del sistema solare. E proprio nella città dove Galileo 400 anni fa alzò per la prima volta il suo cannocchiale al cielo, sono stati progettati da un gruppo di ricercatori dell'Inaf-Osservatorio Astronomico i 26 "occhi" di Plato, un sistema di telescopi che andranno a caccia di esopianeti grazie al loro enorme campo visivo, che permetterà di osservare contemporaneamente immense zone di cielo. Una volta lanciato, Plato sorveglierà un milione di stelle per oltre 4 anni, cercando di individuare quelle con caratteristiche, dimensione, temperatura, e composizione, adatte ad ospitare pianeti che potenzialmente possano portare allo sviluppo della vita. Progettati a Padova, i 26 telescopi verranno realizzati nei laboratori della Leonardo di Firenze, in collaborazione con l'Università di Berna.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere