Stato entra in Mps, tutela 100% a retail

Ok allo scudo da 20 miliardi. Gentiloni: giornata di svolta

(ANSA) - ROMA, 23 DIC - Il governo salva Mps e apre l'ombrello pubblico anche per le altre banche in difficoltà che lo richiederanno.
    A tarda notte il Consiglio dei ministri ha dato infatti il via libera all'atteso decreto 'salva-risparmio' con lo scudo pubblico da 20 miliardi e un meccanismo per tutelare "al 100%" la clientela retail del Monte, dopo il fallimento del tentativo di aumento di capitale da 5 miliardi sul mercato.
    Non ci sono invece nel provvedimento le altre misure per il settore, dal rinvio della trasformazione in spa delle popolari al trattamento fiscale delle imposte differite attive (Dta).
    Si tratta "di una giornata importante, di svolta" per Mps, "di rassicurazione per i suoi risparmiatori e per il suo futuro" ha detto il premier Paolo Gentiloni al termine della riunione del governo, spiegando che il decreto consentirà di rafforzare il sistema bancario attraverso il sostegno degli istituti in crisi sia sul fronte della liquidità che dei requisiti patrimoniali.
   "L'intervento statale non era sicuramente la prima opzione della banca, però ci darà comunque la possibilità di procedere con lo smaltimento accelerato dei crediti deteriorati e di avere una posizione diversa e più forte". Lo ha detto l'A.d di Mps Marco Morelli, in un video messaggio ai dipendenti. L'intervento dello stato, ha aggiunto, permetterà a Mps di ripristinare un assetto "per quel che riguarda la liquidità, in linea con quella che era la posizione della banca all'inizio del 2016".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere