Alluvione Firenze,restaurati arredi sinagoga

Tra salvatori ex deportato romano morto per dolore devastazione

(ANSA) - FIRENZE, 10 OTT - Preziosi arredi e testi ebraici salvati dall'alluvione di Firenze del 1966 e restaurati saranno esposti il 23 ottobre nel complesso della sinagoga fiorentina.
    L'iniziativa sarà l'occasione per ricordare uno dei protagonisti di quel 'salvataggio, Luciano Camerino, che riceverà l'omaggio del presidente della comunità ebraica fiorentina, Dario Bedarida.
    Sopravvissuto alla deportazione dopo il rastrellamento del 16 ottobre 1943 a Roma e al campo di sterminio, Camerino fu raggiunto dalla notizia dell'alluvione mentre si trovava nella Capitale dove la comunità ebraica romana organizzò squadre di soccorso. Camerino ne faceva parte e raggiunse Firenze con uno dei camion di aiuti per gli alluvionati. Uno degli scopi della missione era salvare gli oggetti e gli arredi sacri per gli ebrei, travolti da acqua e fango nella sinagoga di via Farini: i libri della Torah, i Sefer Torah, tutti oggetti dal valore religioso inestimabile. Alla vista di quella devastazione ebbe un ictus che lo uccise il giorno dopo.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Alessandro Caneschi - BC Servizi

Orafi e BC Servizi, storia di un lungo sodalizio

L'azienda di Arezzo, leader nella realizzazione di prodotti di design, è da sempre al fianco della categoria: «Gestiamo ogni fase della progettazione», spiega Alessandro Caneschi


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere