• Carabiniere ucciso a Carrara, assassino si costituisce: 'Ha rovinato i miei figli'

Carabiniere ucciso a Carrara, assassino si costituisce: 'Ha rovinato i miei figli'

L'omicida, un uomo di 72 anni, dopo aver sparato era fuggito a piedi

"Ha rovinato i miei figli": questa, secondo quanto appreso la spiegazione che Roberto Vignozzi, 72 anni, che ha ucciso il maresciallo dei carabinieri Antonio Taibi a Carrara, ha dato del suo gesto quando si è costituito. Almeno uno dei due figli di Vignozzi avrebbe avuto problemi giudiziari probabilmente in seguito alle indagini del sottufficiale ucciso.  Roberto Vignozzi, il 72enne che ha ucciso il maresciallo dei carabinieri Antonio Taibi a Carrara, si sarebbe fatto aprire la porta dalla stessa vittima. Ha citofonato all'appartamento del sottufficiale, stamani verso le 7.30 con una scusa, senza dire la sua vera identità. Taibi, che vive al terzo piano dello stabile, sarebbe sceso al piano terra e, aperta la porta, si è trovato di fronte Vignozzi che ha fatto fuoco con la pistola che aveva in pugno.

I due figli di Roberto Vignozzi, l'uomo che si è costituito dicendo di essere l'omicida del maresciallo dei carabinieri Antonio Taibi a Carrara, sono stati condannati ieri ad un anno di reclusione dal tribunale di Massa in un processo in cui erano entrambi imputati per reati relativi alla droga. Anche il procuratore di Massa Aldo Giubilaro ha confermato che il movente dell'omicidio potrebbe proprio risiedere nella vicenda giudiziaria dei due figli del 72enne, poiché il maresciallo Taibi in passato si era occupato delle indagini sui due giovani, tra i 25 ed i 30 anni. Uno dei due, tra l'altro, è soprannominato 'Diabolik' ed è coinvolto nelle indagini su alcune rapine compiute da un uomo con il volto coperto da un passamontagna nero che lasciava scoperti solo gli occhi.

Al comando provinciale dei carabinieri di Massa sono stati ascoltati alcuni testimoni dell'omicidio. Uno dei due figli del maresciallo avrebbe assistito all' uccisione del padre. In caserma sono arrivati anche la moglie dell'anziano con uno dei due figli e l'avvocato di Vignozzi, Guido Bernieri, il quale, uscendo, ha detto di aver rinunciato all'incarico.

Carabiniere ucciso: lo chiamavano il "gigante buono" - Il carabiniere ucciso a Carrara è originario di Palermo e trascorreva le vacanze estive in un paese della provincia, Ventimiglia di Sicilia, dove è nata la madre Maria Portuese. Lo dice il sindaco del paese, Antonio Rini: "Antonio Taibi in paese tutti lo ricordano come il 'gigante buono'. La nostra comunità è molto colpita da questa tragedia e proclamerò il lutto cittadino".

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Rudi Baldi - Beagle di Torrimpietra

Da Fonteposca a Beagle di Torrimpietra: Rudi Baldi è una certezza nel panorama cinofilo internazionale

«Qualità e quantità non vanno di pari passo quando si parla di beagle: meglio averne pochi, ma di eccellenza - spiega l'allevatore toscano - un'attività del genere va fatta solo per passione»



Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere