Percorso:ANSA > Terra&Gusto > Vino > Cresce a quota 100 enoteche 'Chianti gustalo fresco'

Cresce a quota 100 enoteche 'Chianti gustalo fresco'

Su internet 70mila enonauti/mese cercano denominazione toscana

08 giugno, 17:42

Torna e cresce coinvolgendo da domani oltre 100 enoteche e pubblici esercizi della Capitale "Chianti fresco: gustalo a 16 gradi". Terza edizione del progetto del Consorzio Vino Chianti che, con questa iniziativa, punta a spiegare come va consumato il vino rosso durante l'estate e destagionalizzare i consumi rendendoli più informali e giovanili. ''Occorre seguire una semplice ma fondamentale regola - ha detto il direttore del Consorzio Giovanni Busi - la temperatura deve essere corretta come il clima che si trova in cantina: 16 gradi di gradevolezza, freschezza di profumi e aromi che si sprigionano quando si sorseggia un calice del vino toscano nel periodo estivo''.

La denominazione toscana ha molti fan su internet, sarebbero 70mila al mese, afferma il Consorzio, le ricerche della parola 'Chianti' suoi motori di ricerca. Ma anche veri e propri cultori dell'assaggio che a Roma, in più di 100 tra ristoranti, enoteche, pizzerie e botteghe artigiane e storiche, riceveranno il termometro-vino e potranno degustare menu con protagonista il Chianti fresco. Inoltre, martedì 9 giugno a Palazzo Brancaccio, nell'evento "Calici Eccellenti, i piaceri dell'Estate Romana", è prevista una serata Chianti&Pizza, due prodotti d'eccellenza della tradizione enogastronomica italiana. Il progetto nasce grazie alla collaborazione di CO.VI.RO., insieme all'Arte dei Vinattieri, Botteghiamo, l'Accademia della Cultura Gastronomica e l'Associazione Ristoranti Confesercenti Roma.

Con l'invito a raccontare con un'immagine, sulla pagina Instagram del Consorzio (#chiantigustalofresco) la loro fresca estate in compagnia di un buon Chianti.

"Crediamo in questa campagna di educazione al corretto consumo dei vini rossi troppo spesso penalizzati - conclude il presidente del Consorzio Chianti Busi - durante l'estate. Ci rivolgiamo al pubblico dei consumatori ma anche ai professionisti del settore: non parliamo di un nuovo modo di bere il Chianti ma del giusto modo di farlo (soprattutto durante i periodi caldi). Il Sangiovese di Toscana, è un vino giovane e fragrante, dallo stile contemporaneo, un prodotto dai tratti distintivi che ben si prestano alla freschezza dei 16 gradi".

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati