Percorso:ANSA > Terra&Gusto > Vino > Federvini, dopo un 2014 incerto, settore in ripresa

Federvini, dopo un 2014 incerto, settore in ripresa

Ok export, urgono semplificazione, fisco meno pesante

28 maggio, 15:27
Federvini, dopo un 2014 incerto, settore vino in ripresa Federvini, dopo un 2014 incerto, settore vino in ripresa

Dopo un 2014 di grandi incertezze in cui i consumi interni di vino si sono contratti, il 2015 si è aperto con un trend positivo per i settori rappresentati da Federvini, che lascia ben sperare per i prossimi mesi. ''Ma per dare spinta al comparto occorre che il Governo e le Istituzioni vengano maggiormente incontro alle esigenze di semplificazione burocratica, da una parte, e di alleggerimento fiscale dall'altra. Puntiamo molto sull'export che continua a crescere ed è per questo che sul fronte dell'internazionalizzazione rileviamo l'importanza degli accordi di libero scambio''. E' questa l'analisi fatta a Roma da Sandro Boscaini, Presidente di Federvini, in occasione dell'Assemblea Generale 2015 che ha approvato la Relazione sull'attività 2014.

Nel 2014, precisa Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori e Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti e Affini - le esportazioni di vini e mosti hanno confermato un andamento positivo sia in valore con 5 miliardi 281 milioni di Euro (+1% sul 2013) che in volume con 21 milioni 548 mila hl (+0,3%). Complessivamente le esportazioni di vini e mosti in valore sono destinate per il 53,1% all'Unione europea, per il 46,9% ai mercati extra Ue. Gli spumanti hanno registrato un trend di crescita importante sia in valore (+13,9%) che in volume (+18,2%): il Regno Unito è il mercato più premiante con aumenti in valore del 43,2% e in volume del 51,9% rispetto al 2013. I vini aromatizzati invece hanno presentato sensibili rallentamenti, con alcune eccezioni in Romania e in Ungheria con degli aumenti in volume pari rispettivamente al 16,3% e del 10,8%.

In ambito extra UE, gli Stati Uniti sono il primo paese di destinazione, con un valore che si aggira a poco più di un miliardo di Euro (+4,4%); all'interno dell'Unione europea la Germania ed il Regno Unito mantengono la leadership, rispettivamente con 996 milioni di Euro e 665 milioni di Euro.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati