Percorso:ANSA > Terra&Gusto > Vino > A Viniveri "Verso un'etichetta trasparente"

A Viniveri "Verso un'etichetta trasparente"

A Cerea per prima volta apre di venerdì kermesse vini naturali

13 marzo, 16:41
12/a edizione Viniveri 12/a edizione Viniveri "Verso un'etichetta trasparente"

CEREA (VERONA )- "Verso un'etichetta trasparente": questo il tema della dodicesima edizione di "ViniVeri 2015-Vini secondo Natura", salone di degustazione di vini e prodotti alimentari ottenuti da processi naturali, organizzata dal Consorzio Viniveri dal 20 al 22 marzo, nel cuore della cittadina di Cerea, a pochi chilometri da Verona.

Un tema, quello della trasparenza dell'etichetta, molto sentito dai consumatori e da anni diventato cavallo di battaglia del Consorzio ViniVeri che sarà al centro dell'incontro internazionale che si terrà venerdì 20 marzo, per arrivare all'obiettivo di poter riportare in etichetta l'elenco degli ingredienti presenti nella bottiglia di vino, unico prodotto alimentare in cui vige la deroga che esclude di scrivere tutti gli elementi contenuti (sono oltre 200 le sostanze autorizzate per legge che possono essere aggiunte a partire dalla vendemmia fino al momento dell'imbottigliamento). Per la prima volta si inizia di venerdì 20 marzo, sottolineano i promotori, senza sovrapposizioni con altri eventi nella zona, e si conclude domenica 22 marzo. Un'occasione in più per conoscere ed apprezzare il lavoro di vignaioli provenienti da ogni angolo d'Italia e da altri paesi europei uniti da una filosofia e metodologia produttiva comune che va oltre la certificazione biologica europea: quella di generare vino senza l'uso della chimica di sintesi in vigna e senza l'uso di addizioni e stabilizzazioni forzate in cantina. Vini che non contengono addizioni di sostanze estranee.

Spicca la presenza di Emmanuel Giboulot, il viticoltore biodinamico francese divenuto un simbolo nel mondo dell'approccio naturale per la sua opposizione all'ordine del Prefetto di usare pesticidi nella sua vigna e per questo processato e, a dicembre 2014, definitivamente assolto. A Cerea si potranno assaggiare i suoi vini di Borgogna, Côte de Beaune e Haute-Côte de Nuits, rigorosamente chemical free. Le aziende vitivinicole ed eno-gastronomiche presenti a ViniVeri 2015, hanno tutte autocertificato, sotto la propria responsabilità, di seguire i dettami della "Regola" del Consorzio Viniveri.

Viniveri 2015 ha il patrocinio della Commissione Nazionale Italiana per l'Unesco.

Il ticket giornaliero di ViniVeri 2015, è di 20 euro

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati