Percorso:ANSA > Terra&Gusto > Vino > Sommelier, bisogna parlare facile di vino, inizi Masterchef

Sommelier, bisogna parlare facile di vino, inizi Masterchef

Appello Gastaldi neoeletto Miglior Sommelier da Ais Lombardia

10 giugno, 19:39
Filippo Gastaldi  ''Miglior Sommelier della Lombardia 2014'' secondo l'Associazione italiana sommelier, Ais, lombarda Filippo Gastaldi ''Miglior Sommelier della Lombardia 2014'' secondo l'Associazione italiana sommelier, Ais, lombarda

(ANSA) - ROMA, 10 GIU - Il vino è cosa da giovani, ma per diffondere la cultura del buon bere ''bisogna parlare facile.

Non far passare l'idea che la scelta di un calice sia uno scoglio. Non sta in piedi la frase 'io di vino non me ne intendo' perché l'impegno di enotecari, gestori di locali e wine-bar e sommelier deve rendere il vino più fruibile. Al bando il linguaggio da espertoni, l'idea che bevono bene solo gli intenditori''. A dirlo, in occasione del conferimento del titolo di Ambasciatore Vinarius a Bruno Vespa, è Filippo Gastaldi che ha appena conquistato il titolo di ''Miglior Sommelier della Lombardia 2014'' secondo l'Associazione italiana sommelier, Ais, lombarda.

''Masterchef è una trasmissione che sa parlare ai giovani ma finora ha trascurato il vino - afferma Gastaldi - inizi a parlarne e a rendere più casual le degustazioni. Informalità, tuttavia, non significa mancanza di professionalità che anzi deve crescere. Sono ancora troppo pochi i ristoranti che danno importanza al vino. Io sono enologo, lavoro in cantina, e vendo vino nell'enoteca di famiglia, voglio vivere il vino dalla A alla Z. Per questo voglio che il vino abbia un futuro, e sia alla portata di ragazzi come me''.(ANSA).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati