Percorso:ANSA > Terra&Gusto > Speciali > Olio Capitale: 12mila visitatori, successo per fiera nicchia
Post-it

Olio Capitale: 12mila visitatori, successo per fiera nicchia

Expo: una giornata sarà dedicata a Olio Capitale

10 marzo, 18:35
Olio Capitale:oltre 250 espositori per IX edizione a Trieste Olio Capitale:oltre 250 espositori per IX edizione a Trieste

TRIESTE - Una giornata dedicata a Olio Capitale (annuale fiera dell'olio di Trieste) e all'eccellenza dell'extra vergine d'oliva italiano si svolgerà a Milano ad Expo 2015. Lo ha annunciato il presidente della Camera Commercio Trieste, Antonio Paoletti, nel corso della conferenza stampa di chiusura della IX edizione della manifestazione triestina, precisando che della vicenda si sta interessando Colomba Mongiello, vicepresidente Commissione Anticontraffazione e membro Commissione Agricoltura. Nella giornata di Olio Capitale a Milano verranno premiati i vincitori dell'omonimo Concorso degli oli extravergini più buoni, dove hanno trionfato le produzioni pugliesi e siciliane.

"D'accordo con Mongiello - ha proseguito Paoletti - sarà il logo di Olio Capitale a presentare le missioni economiche che cominceranno già nel 2015 per promuovere l'olio extravergine nel mondo. Porteremo le nostre imprese in Canada, Australia, Cina, Stati Uniti stabilendo un lei un calendario. Trieste - ha concluso - è oggi punto di riferimento nazionale dell'olio e della qualità dell'olio, grazie al laboratorio chimico- merceologico della Camera di Commercio".

Olio Capitale: 12mila visitatori, successo per fiera nicchia

"In questa difficile annata Olio Capitale continua a crescere: è straordinario esser riusciti a portare qui 250 espositori e 12.000 visitatori, non pochi per una fiera di nicchia, ed è stata premiata la scelta di far slittare le giornate d'apertura dedicando il lunedì ai ristoratori e agli appassionati che vogliono aver più tempo per la scelta dei propri oli". E' il bilancio che Antonio Paoletti, presidente Camera di Commercio di Trieste, fa nel corso della conferenza stampa conclusiva della IX edizione della manifestazione, organizzata da Aries alla Stazione Marittima. Successo anche per la Scuola di cucina "stellata", alla quale hanno partecipato tremila persone.

Tanti i buyers giunti da Usa, Giappone, Germania, Brasile, Danimarca, Croazia, Slovenia. La fiera ha confermato che anche in questa annata nera la qualità olivicola è alta e superiore alle aspettative. Questa edizione è un trionfo del Sud Italia: due produzioni pugliesi e una siciliana si sono aggiudicate i premi per il miglior fruttato leggero, medio e intenso tra i 178 partecipanti. Prossima edizione dal 5 all'8 marzo 2016.

Il format di Olio Capitale diventa insomma modello internazionale e panel dell'olio italiano di qualità nel mondo, come ha anticipato Paoletti con un annuncio concordato con l'on. Colomba Mongiello per testimoniare l'eccellenza del salone. Per quanto riguarda il concorso, la categoria leggero è stata vinta dall'Azienda Agricola Scammacca del Murgo S.S.A. Murgo (Sicilia), olio in concorso: Nocellara dell'Etna; per il medio l'Azienda Agricola Leone Sabino (Puglia), olio in concorso: Patràun; per l'intenso l'Azienda Agricola De Carlo Sas (Puglia), olio in concorso: Tenuta Torre di Mossa. Puglia, Sicilia, Campania e Sardegna sono le regioni che ricorrono anche nell' elenco dei 15 finalisti. Non mancano due presenze straniere: lo spagnolo Oleomorillo S.L. Con l'olio Basilippo Gourmet e il croato Agrofin d.o.o. Con il Mate Timbro Istriano, che si è aggiudicato la menzione della Giuria Professionale.

Olio Capitale è cronologicamente, la prima grande fiera nel calendario nazionale dedicato all'olio e quindi il primo banco di prova del nuovo extra vergine. La produzione è ridotta in termini quantitativi, ma la qualità supera le aspettative: "Rispetto a quanto ci attendevamo, la qualità è di gran lunga superiore - nota Carlotta Pasetto, coordinatrice Concorso Olio Capitale - Naturalmente, rispetto allo scorso anno sono meno marcate le differenze fra le diverse tipologie di olio soprattutto in termini di fruttato e sentori vegetali, ma è un'inevitabile conseguenza della campagna difficile. I 15 finalisti selezionati hanno prodotto oli d'eccellenza".

Confermata la formula e l'efficacia degli incontri d'affari tra produttori e buyer internazionali, giunti da USA, Giappone, Germania, Brasile, Danimarca e molti altri paesi. "La specializzazione di questa fiera è il suo punto di forza. Qui e non altrove ho avuto la possibilità di trovare un'enorme varietà di oli di qualità e con caratteristiche ben distinte - commenta Paolo Orsolini, presidente Orso- Italian Speciality foods, che importa prodotti made in Italy sul mercato della Florida -. Questa tipologia di incontri diretti con i produttori permette di entrare nel merito dei processi di lavorazione dei vari extra vergine e di apprezzarne le caratteristiche, così come quelle dei territori in cui sono prodotti".

La dimensione di Olio Capitale è destinata ad affermarsi negli anni a venire: "Questa è una grande vetrina internazionale - ha notato l'onorevole Colomba Mongiello, vicepresidente Commissione Anticontraffazione e membro della Commissione Agricoltura -. Aiuteremo Olio Capitale nella promozione internazionale dell'agroalimentare e dell'extra vergine made in Italy, perché parta da Friuli Venezia Giulia e viaggi nel mondo per far conoscere l'olivicoltura italiana, la sua cultura e la cultura del mangiar sano".

Le ricadute sull'indotto della fiera specializzata Trieste sempre più centro qualificato: "Non è una capitale per la quantità, ma si produce olio di qualità - nota Gianni Degenhardt, capo-panel della Camera di commercio di Trieste -. Da tre anni esiste un panel ufficiale, quello del Laboratorio Chimico della Camera di Commercio di Trieste, unico in Friuli Venezia Giulia e riconosciuto dal Ministero delle Politiche Agricole, che porta Trieste ad aver un buon senso per l'olio". Dopo nove anni di Olio Capitale, sono gli espositori stessi a confermare che qui trovano una richiesta qualificata, che conosce il prodotto, la sua qualità e non contratta sul prezzo. Il pubblico di Olio Capitale è di semplici consumatori ma anche gourmand e professionisti italiani e stranieri.

"Noi ci occupiamo di enogastronomia di eccellenza e andiamo solo dove troviamo qualità - ha spiegato Toni Sarcina, presidente nazionale Cordons Bleus de France -. Se è il secondo anno consecutivo che veniamo a Olio Capitale con un nostro Forum, è perché qui abbiamo trovato l'eccellenza della filiera dell'extra vergine". Un pubblico qualificato, pertanto, che ha contribuito ad accrescere ulteriormente le ricadute sull'indotto generato in primis dai 250 espositori giunti da tutta Italia e dall'estero e che hanno riempito alberghi e ristoranti del centro e della periferia. Quest'anno una Scuola di Cucina stellata Grande afflusso di pubblico agli eventi collaterali, dai convegni tecnici alle degustazioni guidate sino, in primis agli showcooking.

Associazione Nazionale Città dell’Olio: un’edizione da ricordare.
“Per le Città dell’Olio è stata una edizione da ricordare. Una grande partecipazione, una reazione di orgoglio da parte dei produttori delle Città dell’Olio - che nonostante la pessima annata - hanno dimostrato di credere in questa importante vetrina internazionale - ha dichiarato Enrico Lupi, presidente dell’Associazione nazionale Città dell’Olio - per noi è un incoraggiamento a creare sempre più occasioni di valorizzazione e promozione dell'extravergine, eccellenza italiana”

"Abbiamo registrato oltre 3000 partecipanti e avuto ottimi riscontri dalle tre giornate di Cucina - commenta Emilio Cuk, coordinatore Scuola di Cucina Olio Capitale -. Un segno evidente dell'importanza che hanno assunto questi showcooking è la partecipazione anche di uno chef stellato, con la Taverna di Colloredo di Montalbano, stella Michelin. L'obiettivo per il prossimo anno è di realizzare un'intera giornata stellata". Appuntamento alla prossima edizione di Olio Capitale, dal 5 all'8 marzo 2016 www.oliocapitale.it

CONCORSO OLIO CAPITALE FINALISTI FRUTTATO LEGGERO Frantoio Romano (Campania), olio in concorso: Gold Bio Oleomorillo S.L. (Spagna), olio in concorso: Basilippo Gourmet Azienda Agricola Scammacca del Murgo S.S.A.Murgo (Sicilia), olio in concorso: Nocellara dell'Etna Azienda Agricola Luigi GuadalupiMasseria Guidone(Puglia), olio in concorso: L'Acquaro Azienda Agricola Antonucci Olimpia (Puglia), olio in concorso: Matthew

FINALISTI FRUTTATO MEDIO Azienda Agricola Oliva (Sicilia), olio in concorso: Favola Azienda Agricola Monterisi (Puglia), olio in concorso: Cru Biologico Agrofin d.o.o. (Croazia), olio in concorso: Mate Timbro Istriano Azienda Agricola Leone Sabino (Puglia), olio in concorso: Don Gioacchino Azienda Agricola Leone Sabino (Puglia), olio in concorso: Patràun

FINALISTI FRUTTATO INTENSO Società Agricola Fonte di Foiano S.S. (Toscana), olio in concorso: Grand Cru Azienda Agricola De Carlo S.a.s. (Puglia), olio in concorso: Tenuta Torre di Mossa Frantoi Cutrera di Cutrera G. e C. S.n.c. (Sicilia), olio in concorso: Primo - D.O.P. Monti Iblei Azienda Agricola Le Tre Colonne di Salvatore Stallone (Puglia), olio in concorso: Le Tre Colonne - Le Selezioni Coratina Società Cooperativa Agricola Olivicoltori Valle del Cedrino (Sardegna), olio in concorso: Costa degli Olivi D.O.P. Sardegna

VINCITORI CONCORSO FRUTTATO LEGGERO: Azienda Agricola Scammacca del Murgo S.S.A. Murgo (Sicilia), olio in concorso: Nocellara dell'Etna

FRUTTATO MEDIO: Azienda Agricola Leone Sabino (Puglia), olio in concorso: Patràun

FRUTTATO INTENSO: Azienda Agricola De Carlo S.a.s. (Puglia), olio in concorso: Tenuta Torre di Mossa

EX ALBIS ULIVIS Azienda Agricola Leone Sabino

MENZIONI CONSUMATORI: AZIENDA AGRICOLA LE TRE COLONNE DI SALVATORE STALLONE PUGLIA RISTORATORI: FRANTOI CUTRERA DI CUTRERA G E C SICILIA PROFESSIONISTI: AGROFIN d.o.o. CROAZIA

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati