Percorso:ANSA > Terra&Gusto > Salute > Salute: Pollo a tavola per 'mal di primavera'

Salute: Pollo a tavola per 'mal di primavera'

Nutrizionista Migliaccio, contro spossatezza e affaticamento

27 marzo, 16:11
Pollo a tavola per 'mal di primavera' Pollo a tavola per 'mal di primavera'

- ROMA - Il pollo è tra i cibi più adatti a contrastare il mal di stagione, la stanchezza primaverile o 'sindrome da letargo', dovuta a vari fattori di stress come il cambio dell'ora e il rialzo delle temperature. A dirlo è Pietro Migliaccio, presidente della Società Italiana di Scienza dell'Alimentazione che, insieme a frutta e verdura, elegge le carni bianche, in particolare la carne di pollo, tra gli alimenti più adatti per una corretta alimentazione da adottare durante i mesi primaverili per combattere stanchezza, difficoltà di concentrazione, giramenti di testa e sonnolenza. ''Oltre ad essere un perfetto alleato contro l'astenia perché leggero e digeribile - spiega Migliaccio - il pollo contiene tutti quei nutrienti ad alto valore biologico fondamentali per combattere la stanchezza stagionale, con proteine di alto valore biologico (19 g per 100 g di pollo intero e 23 g per 100 g di petto), fondamentali per la sintesi dei neurotrasmettitori che partecipano alle reazioni di adattamento allo stress stagionale; apporta poi ferro, fondamentale per la sintesi dell'emoglobina, una molecola che trasporta ossigeno a tutti i tessuti, la cui carenza provoca anemia il sintomo più evidente è proprio la spossatezza''. Quanto agli altri sintomi per contrastarli Migliacci suggerisce di bere tanta acqua per idratare l'organismo e introdurre tanti sali minerali, mangiare cibi ricchi di ferro, potassio, calcio e vitamina B e concedersi il 'riposino' quotidiano. 

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati