Percorso:ANSA > Terra&Gusto > I protagonisti > Carlo Petrini

Carlo Petrini

Fondatore e presidente internazionale Slow Food

18 settembre, 13:26
Carlo Petrini Carlo Petrini

Carlin. Cosi' lo chiamano a Bra, la cittadina delle Langhe da dove ha fondato dapprima Arcigola e poi Slow Food. Un nome, quello di Carlo Petrini, familiare tra i reali inglesi, in particolare al principe Carlo che ha partecipato ai lavori dell'ultima edizione del Salone del Gusto a Torino. Ma Petrini e' anche uno dei nomi italiani piu' noti alla Casa Bianca e negli Usa in generale dopo che la rivista Time Magazine gli ha attribuito, nel 2004, il titolo di 'Eroe europeo dei nostri tempi' nella categoria 'Innovator'. Petrini e' peraltro l'unico italiano ad essere stato inserito nell'elenco stilato nel 2008 dal quotidiano inglese The Guardian tra ''le 50 persone che potrebbero salvare il mondo''.

E' l'uomo che si e' opposto ai ritmi frenetici del mondo contrastando soprattutto la cattiva alimentazione in nome delle scelte del ''Buono, Pulito e Giusto''. Assolutamente non fast, libero da Ogm e territoriale: così deve essere, secondo il suo punto di vista, il cibo sulle tavole. Il concetto di vita sana e rispettosa dei ritmi naturali si e' ben presto trasformato in un'organizzazione che dal 1989 ad oggi e' sinonimo di qualità e buone pratiche: SlowFood.

Portano il logo della chiocciolina manifestazioni di caratura internazionali come Il Salone del Gusto e Terra Madre, quest'anno per la prima volta unite, Cheese, e l'Universita' di Scienze Gastronomiche.

Carlo Petrini nasce a Bra (Cuneo) il 22 giugno 1949. Frequenta l'Itis di Fossano, proseguendo gli studi presso la facoltà di Sociologia dell'Università di Trento.

Nel 1974 da vita al periodico In Campo Rosso e l'anno successivo a Radio Bra Onde Rosse, la prima emittente libera d'Europa. Il suo impegno nel campo del enogastronomia si concretizza a partire dal 1977, quando avvia diverse collaborazioni scrivendo sui principali periodici e giornali italiani. Fonda la Libera e Benemerita Associazione degli Amici del Barolo, che diventerà nel luglio 1986 ArciGola. Nel 1986 fonda, in collaborazione con Gigi Piumatti e Stefano Bonilli, l'allora inserto enogastronomico del Manifesto, Gambero Rosso a cui si unirà ben presto un'altro appassionato del buon vino e della buona tavola, Daniele Cernilli. Da questo ''dream team'' nasceranno Slow Food a Bra, e il Gambero Rosso a Roma.

Il 9 dicembre 1989 a Parigi viene fondato il Movimento Internazionale Slow Food, Petrini ne e' tuttora presidente.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati