Percorso:ANSA > Terra&Gusto > Prodotti tipici > Aicig inaugura 'casa' del made in Italy Dop e Igp

Aicig inaugura 'casa' del made in Italy Dop e Igp

A Tuttofood coordinamento presenza istituzionale

10 aprile, 19:22

- I prodotti agroalimentari italiani Dop e Igp trovano casa. L'Aicig, Associazione Italiana Consorzi Indicazioni Geografiche, ha presentato la sede rinnovata a Roma, più ampia, con arredi al 100% made in Italy, e proprio di fronte alla sede del ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali. Una 'casa' che diviene il punto di incontro per i 58 Consorzi associati Aicig, dalla Fontina Dop allo Speck Alto Adige Igp. Vicinanza al Mipaaf, e al contempo al ministero dello Sviluppo Economico, che si rafforza anche nelle strategie per l'internazionalizzazione sempre più in sinergia. A TuttoFood, che si terrà a Milano dal 3 al 6 maggio, ''saremo presenti - ha annunciato Pier Maria Saccani, Segretario Generale Aicig - coordinando la partecipazione istituzionale e ospitando lo stand del Mipaaf insieme a Isit (Istituto Salumi Italiani Tutelati).

Presenti con Aceto Balsamico di Modena Igp, Grana Padano Dop, Gorgonzola Dop, Mozzarella di bufala Campana Dop, Oliva Bella della Daunia Dop, Pecorino Toscano Dop e Taleggio Dop, e la partecipazione in forma collettiva dei 14 Consorzi di Tutela della salumeria Dop Igp aderenti ad Isit. Siamo quanto mai compatti - ha sottolineato Saccani - nel segno dell'italianità.

A Tuttofood, evento fondamentale per il settore agroalimentare nazionale durante il 2015 vista la coincidenza temporale ed anche logistica con Expo, cureremo non solo aspetti commerciali e un ricco palinsesto di eventi ma anche un messaggio politico forte a chi, in ambito internazionale, vuole scalfire il sistema di protezione comunitario delle indicazioni geografiche''.

Le Dop-Igp italiane sono ad oggi 269, per un fatturato alla produzione di 6,6 miliardi di euro e al consumo di 13,2 miliardi di euro. ''Questa qualità agroalimentare va ora portata negli scaffali - ha detto il capo dipartimento delle Politiche competitive del Mipaaf, Luca Bianchi - valorizzando un modello complessivo. Da qui il lavoro avviato con la Gdo per creare un percorso evidenziato nei supermercati. Le Igp e Dop devono diventare la Ferrari della qualità italiana''.

''E' bello - conclude il direttore Isit Gianluigi Ligasacchi - constatare che il Mipaaf, un tempo legato al settore agricolo puro, ora ascolta anche l'agroalimentare e l'agroindustria. C'è sempre stata una apertura al dialogo, ma una collaborazione così forte non l'ho mai percepita. Ora siamo una squadra''.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati