Percorso:ANSA > Terra&Gusto > Prodotti tipici > Francia: scagionato produttore foie gras accusato 'crudeltà'

Francia: scagionato produttore foie gras accusato 'crudeltà'

320mila firme petizione web contro pratica ingozzamento forzato

19 marzo, 19:16

- PARIGI - Niente condanna in Francia per il produttore di foie gras inizialmente accusato di "gravi sevizie e atti di crudeltà" contro anatre indifese e ingabbiate. I giudici del tribunale di La-Roche-sur-Yon hanno dunque accolto la richiesta del pubblico ministero, secondo cui "non ci sono elementi sufficienti" per condannare la società Ernest Soulard, basata in Vandea, fornitrice di grandi ristoranti parigini come il Fouquet's. Nel novembre 2013, l'Ong L214 diffuse un video in cui si denunciavano le condizioni di 'gavage' (cioè l'ingozzamento forzato delle anatre) nelle fattorie che lavorano per conto del marchio. Nel video, sfilavano le immagini di anatre praticamente immobilizzate nelle loro gabbie individuali. Un filmato shock, che indusse il grande chef, Joel Robuchon, a sospendere le forniture di Ernest Soulard, seguendo l'esempio di un altro grande chef, questa volta britannico, Gordon Ramsay. Intanto, una petizione europea contro la pratica dell'ingozzamento forzato ha raggiunto quota 320.000 firme, di cui circa 80.000 raccolte sulla piattaforma francese del sito Change.org.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati