Percorso:ANSA > Terra&Gusto > Mondo Agricolo > Xylella: Parigi dice stop import vegetali da Puglia

Xylella: Parigi dice stop import vegetali da Puglia

Martina, difenderemo nostri interessi nazionali

04 aprile, 17:07
Xylella: Parigi dice stop import vegetali da Puglia Xylella: Parigi dice stop import vegetali da Puglia

 PARIGI - Il ministro francese dell'Agricoltura Stéphane Le Foll conferma lo stop alle importazioni dei vegetali a rischio Xellya dalla Puglia. "In attesa nell'attuazione di un dispositivo europeo - si legge in una nota - il ministro ha deciso di prendere misure nazionali.
Un decreto è stato firmato oggi e verrà pubblicato sabato''. "Consapevole dell'importante rischio di introduzione di questo pericolo sanitario dalle conseguenze economiche molto pesanti per le filiere vegetali francesi e vista la prossimità di alcune regione come la Corsica ai ceppi italiani, il ministro dell'Agricoltura, Stéphane Le Foll, ha chiesto già dal 16 gennaio scorso misure europee", si legge in una nota diffusa a Parigi. "Un decreto è stato firmato oggi e verrà pubblicato domani - aggiunge la nota - per vietare l'importazione in Francia di vegetali sensibili a Xylella fastidiosa e provenienti dalle zone colpite dalla batteria. Questo divieto - si precisa a Parigi - riguarda gli scambi intra-europei dalla regione delle Puglie e le importazioni provenienti da zone infette di Paesi terzi coinvolti". A questo, prosegue il ministro Le Foll, si "aggiungerà un rafforzamento del piano di controllo e di sorveglianza sull'insieme del territorio nazionale".

Martina, difenderemo nostri interessi nazionali
 "Giudico il provvedimento francese decisamente sbagliato e inopportuno perché il problema Xylella si sta affrontando a livello comunitario e ogni decisione dovrebbe essere assunta insieme in tale contesto". Dopo lo stop francese all'import di vegetali made in Puglia, queste le parole del Ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali Maurizio Martina che, come dichiara all'ANSA, ha già contattato il Ministro francese Le Foll per avere chiarimenti immediati sul provvedimento adottato, sull'area interessata e sulle specie coinvolte, ribadendo con forza che l'Italia sta mettendo in campo le azioni per contenere la diffusione del batterio. "Uno scelta unilaterale di questo tipo - dichiara Martina - rischia di aggravare ancora la situazione, sulla quale invece si deve procedere con tempestività, mantenendo tutta la concentrazione sulle soluzioni tecniche individuate. Noi dobbiamo andare avanti rapidamente con l'attuazione delle misure di contrasto alla diffusione della Xylella. Anche per questo sarò in Puglia - annuncia il ministro Martina - la prossima settimana per un incontro operativo con Regione, Commissario straordinario di Protezione civile e il comitato scientifico che lavora sull'emergenza oltre che con il territorio. Nel fare questo deve anche essere chiaro che noi difenderemo in ogni sede i nostri interessi nazionali" sottolinea infine.

Coldiretti, dalla Francia 'guerra commerciale'
''Una decisione arbitraria assunta al di fuori del diritto comunitario che rischia di scatenare una guerra commerciale senza precedenti''. E' quanto afferma, in una not, la Coldiretti nel commentare la decisione del Ministro francese dell'Agricoltura Stephane Le Foll di vietare le importazioni dei vegetali a rischio Xylella dalla Puglia con decreto "in attesa nell'attuazione di un dispositivo europeo". ''Stupisce la decisione di intervenire brutalmente con un provvedimento nazionale su una materia di competenza comunitaria da parte di un Paese come la Francia che - sottolinea la Coldiretti - è un partner storico dell'Italia, con la quale ha partecipato alla nascita dell'Unione Europea. I tempi, i modi e i contenuti del provvedimento appaiono sproporzionati ed irrispettosi e per questo del tutto inaccettabili, ma vale la pena anche ricordare - precisa la Coldiretti - che l'Italia è vittima della mancanza di controlli alle frontiere dell'Unione europea da dove è arrivata la malattia''. ''Se il blocco venisse attuato provocherebbe un danno enorme all'economia della Puglia e dell'Italia ma - sostiene la Coldiretti - metterebbe anche a rischio i rapporti commerciali nell'agroalimentare tra Italia e Francia in un difficile momento di crisi economica''. La Coldiretti chiede che il necessario intervento nei confronti delle Autorità francesi e comunitarie ''sia accompagnato a livello nazionale, alla luce dei danni diretti ed indiretti che gravano sugli agricoltori, da un impegno di tutto il Parlamento affinché sia resa possibile la dichiarazione di stato di calamità naturale, con il quale sarebbero immediatamente innescate urgenti misure di sostegno in favore degli imprenditori olivicoli, quali sgravi della contribuzione previdenziale agricola, la sospensione o dilazione delle scadenze fiscali agricole previste per i soggetti agricoli professionali e postergazione di ogni scadenza di mutui e investimenti per 5 anni. Interventi indispensabili - conclude - a garantire un futuro ad imprese olivicole, cooperative, frantoi e vivai pugliesi''.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati