Percorso:ANSA > Terra&Gusto > Fiere&Eventi > Cerealia celebra semi della vita, donna, cultura Mediterraneo

Cerealia celebra semi della vita, donna, cultura Mediterraneo

Dal 9 al 12 giugni in 5 regioni, paese ospite la Croazia

04 giugno, 09:39
Cerealia, la festa dei cereali Cerealia, la festa dei cereali

Celebra il tema ''La donna e i cereali: i semi della vita'' la quinta edizione di "Cerealia. La Festa dei Cereali. Cerere e il Mediterraneo'', festival diffuso con 46 eventi a Roma dal 9 al 12 giugno, e anche in altri territori di Lazio (Artena, Ariccia 6 giugno, Tarquinia 9-10-11 giugno), Calabria (Vibo Valentia 9/12 giugno), Veneto (Altino 20 giugno), Umbria (Gualdo Cattaneo 21 giugno), Puglia (Bovino, Minervino Murge 18/20 settembre).

Cultura, ambiente, territorio, società, economia, alimentazione e turismo, sono le tematiche affrontate dal festival, presentato al Campidoglio, attraverso e convegni, performance, degustazioni, mostre, visite guidate e laboratori. Il festival culturale è promosso da M.Th.I. e ArcheoClub d'Italia sede di Roma, in collaborazione con l'Ambasciata della Repubblica di Croazia in Italia, l'Ente del Turismo Croato in Italia, Casa Croata. Ha il patrocinio Expo Milano 2015 ed incluso tra le manifestazioni promosse dall'Esposizione. ''L'amministrazione comunale di Roma è vicina a Cerealia, al mondo agricolo ed è impegnata nella promozione del cibo di qualità con due mense scolastiche a Km0 e con l'adesione sia a Expo che alla carta contro gli sprechi'' ha detto l'assessore Roma Produttiva, con delega all'Expo, Marta Leonori.

Il progetto Cerealia è stato ideato da due donne, Letizia Staccioli e Paola Sarcina, e questa edizione prevede focus sulle figure femminili del culto della terra e le attuali protagoniste della filiera cerealicola. ''Si caratterizza per essere un festival che parlerà di cereali a 360 gradi, condiviso da tante associazioni e con la collaborazione del Corpo forestale, e che vuole creare una economia partecipata'' ha sottolineato Sarcina.

Gli organizzatori di Cerealia, insieme al Mercato Contadino Castelli Romani e Capannelle, dedicano questa edizione al mugnaio Silvio Paoselli che ''ha sacrificato la vita per difendere il suo mulino e la sua dignità''.

I cereali sono un ''messaggio forte di comunanza, civiltà e di pace, perché nella storia laddove passavano questi commerci non passavano gli eserciti'' ha detto Carlo Zucchelli, presidente Archeoclub d'Italia, nell'annunciare che dal prossimo anno Cerealia avrà un respiro nazionale.

Di respiro internazionale, ''Cerealia è il nostro modo di partecipare ad Expo - ha concluso Ines Sprem, addetto culturale Ambasciata della Repubblica di Croazia - e sentirci parte del Mediterraneo con l'orgoglio di sottolineare l'importanza della sostenibilità ambientale, le tradizioni, la tutela della donna''.

Tra i patrocini istituzionali ricevuti anche quello della Commissione Nazionale Italiana per l'Unesco e del Ministero degli Affari Esteri, Ministero dello Sviluppo Economico, MiBACT. Cerealia ha avuto inoltre il riconoscimento della "EFFE Label 2015/2016" quale festival europeo e per l'Europa.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati