Percorso:ANSA > Terra&Gusto > Fiere&Eventi > Connessioni tra ceramica e cibo a ''Buongiorno Ceramica''

Connessioni tra ceramica e cibo a ''Buongiorno Ceramica''

Prima edizione in 37 città di 15 regioni, dal 29 al 31 maggio

27 maggio, 18:25
Buongiorno Ceramica, laboratori Buongiorno Ceramica, laboratori

Debutta col nome ''Buongiorno Ceramica'' me è anche e soprattutto ''Buon Appetito Ceramica!'' la manifestazione che, dal 29 al 31 maggio in 37 città dislocate in 15 regioni, idealmente dipingerà un'Italia di bellezza e creatività attraverso le tante connessioni tra ceramica e produzione del cibo, due attività che hanno caratterizzato la civiltà umana fin dagli albori.

Una grande festa di forme, smalti, colori, con protagoniste le cittadine tutte di antica tradizione ceramica: Albisola Superiore, Albissola Marina, Ariano Irpino, Ascoli Piceno, Assemini, Bassano del Grappa, Burgio, Caltagirone, Castellamonte, Castelli, Cava de' Tirreni, Cerreto Sannita, Civita Castellana, Deruta, Este, Faenza, Grottaglie, Gualdo Tadino, Gubbio, Impruneta, Laterza, Laveno Mombello, Lodi, Mondovì, Montelupo Fiorentino, Napoli, Nove, Oristano, Orvieto, Pesaro, San Lorenzello, Santo Stefano di Camastra, Sciacca, Sesto Fiorentino, Squillace, Urbania, Vietri sul Mare.

In linea con i temi di Expo 2015 eventi a tema su ceramica e cibo: a Lodi (Lombardia), ad esempio, da non perdere la splendida mostra "Arte in tavola Maioliche lodigiane tra Settecento e Novecento", curata da Anty Pansera. In particolare viene proposta una produzione di assoluto pregio che ha reso celebri le fornaci dell'area lodigiana con picchi di eccellenza soprattutto nel Settecento e nell' Ottocento. Si tratta di un'espressione d'arte che per splendore e raffinatezza di esecuzione testimonia l'alta qualità e il decoro attribuiti alla mensa, non solo come luogo di convivialità e di piacere, ma anche come teatro di una scenografia richiesta da una committenza colta ed elitaria.

Anche Faenza (Emilia-Romagna), capitale della maiolica, in un articolato programma che prevede botteghe, laboratori e studi aperti, workshop per bambini e adulti e un mercato dei ceramisti faentini, ha in calendario una serie di talk e incontri tra chef e ceramisti, alla scoperta di affascinanti connessioni tra ceramica e cibo, partendo da elementi comuni quali impasto, colore e forma.

È all'insegna del connubio tra ceramica e nutrimento anche il programma di Gualdo Tadino, in Umbria, con un convegno, mostre e performance culinarie, visite guidate ai musei della città dedicati alla ceramica e una proposta di piatti tipici e storici della cucina locale.

All'insegna del sapere come dei sapori la proposta di Albissola Marina con "FishArt, U Pèscio". Cinquanta artisti dipingeranno contemporaneamente un piatto in ceramica con tema il pesce, su tavoli di legno posti nel centro storico. Sarà una serata di festa, arte e street-food: i piatti infatti, pezzi unici d'artista, che verranno cotti all'interno delle fabbriche locali e venduti all'asta successivamente, serviranno anche per portare in tavola tutto il gusto ligure… Acciughe, panissa, totanetti, per un take away da gustare passeggiando per le vie del paese.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati