Percorso:ANSA > Terra&Gusto > Fiere&Eventi > Expo:in Triennale 'Arts&Foods' racconta rapporto cibo e arte

Expo:in Triennale 'Arts&Foods' racconta rapporto cibo e arte

Resterà aperta per tutta la durata dell'Esposizione

07 aprile, 15:27
(ANSA) - MILANO, 7 APR - Dalla sala da pranzo al modo di trasportare il cibo, dal caffè ottocentesco al chiosco da fast food fino agli strumenti per i riti di cannibalismo: è un viaggio alla scoperta del rapporto tra arte, design e cibo quello raccontato dalla mostra 'Arts&Foods. Rituali dal 1851', il padiglione della Triennale realizzato a Milano in occasione di Expo 2015 e presentato in anteprima alla stampa. Lo spazio, curato da Germano Celant con gli allestimenti di Italo Rota, apre al pubblico il 9 aprile e resterà aperto per tutta la durata di Expo: oltre 2 mila pezzi provenienti da tutto il mondo per la ricostruzione di 15 ambienti dedicati al cibo.

Luogo simbolo del convivio domestico è la sala da pranzo che riflette i cambiamenti sociali: l'itinerario della mostra si apre con una cucina contadina contrapposta a una tavola aristocratica, adornata da argenteria e porcellane. Negli anni '20 e '30 le avanguardie cambiano l'arredamento di casa, arrivano le sale da pranzo originali cubista e futurista di Gerardo Dottori. Tutti gli ambienti sono arricchiti da opere di artisti come De Chirico e Braque e filmati d'epoca. Nel secondo dopoguerra il tema della ricostruzione e di nuove soluzioni abitative per chi ha perso tutto è rappresentato dalla Maison des jours meilleurs di Jean Prouvé (1956), una sorta di prefabbricato che poteva essere montato in 7 ore, in mostra con gli arredi originali e i dipinti di Picasso e Morandi. Gli anni '70 sono un'esplosione di colori e forme nuove, entrano in casa gli elettrodomestici. A testimoniarlo sono le opere di Andy Warhol, in particolare la sua 'Ultima Cena'. Il percorso si conclude ai giorni nostri con la riflessione degli artisti contemporanei su questa contraddizione: da un lato la fame nel mondo, dall'altro i disturbi alimentari come anoressia e bulimia, figlie della società dell'opulenza. (ANSA).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati