Percorso:ANSA > Terra&Gusto > Distribuzione > Protesta globale lavoratori fastfood, in piazza pure in Italia

Protesta globale lavoratori fastfood, in piazza pure in Italia

Fightfor15, Mc Donald's paghi abbastanza per mantenere famiglie

15 aprile, 20:37
Lavoro: protesta globale fastfood, in piazza pure in Italia Lavoro: protesta globale fastfood, in piazza pure in Italia

La protesta mondiale per l'aumento dei salari a 15 dollari l'ora FightFor15 investe anche l'Italia dove scioperano i lavoratori dei fast food e del turismo e scendono in piazza a Milano, Roma e Taormina. Queste manifestazioni si uniscono a quelle di altre 200 città, negli Stati Uniti e in altri 34 paesi nei sei continenti. ''In Italia il compenso economico orario per i lavoratori dei fast food è intorno agli 8 euro l'ora - spiega il segretario nazionale del Turismo della Filcams Cgil, Cristian Sesena - e se ad esso si aggiunge la mancanza di un contratto nazionale di riferimento, le condizioni di lavoro sono ancora più critiche e precarie, e i lavoratori sono sempre più spesso in balia delle decisioni dei datori di lavoro''. ''E' arrivato il momento per McDonald's e le multinazionali miliardarie come lei di pagare i lavoratori abbastanza per mantenere le loro famiglie. E' tempo di 15 dollari di salario orario e diritti sindacali per tutti'', affermano gli organizzatori di Fightfor15. Il movimento è partito quando poche centinaia di lavoratori dei fastfood statunitensi hanno scioperato a New York dopo il giorno del Ringraziamento del 2012. A seguito del montare delle proteste, Seattle e San Francisco hanno approvato per legge l'aumento del salario minimo a 15 dollari l'ora. E il primo aprile anche Mc Donald's Usa ha annunciato aumenti delle retribuzioni orarie, ma solo nei negozi che non sono gestiti in franchising (il 10% circa)

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati