26 novembre, 16:54 Libri

Gran Sasso visto da Giulio Speranza, una storia d'amore

© ANSA
 © ANSA

 GIULIO SPERANZA, GRAN SASSO D'ITALIA (stampato presso Longo, Bolzano). Una lunga storia d'amore con la montagna iniziata da bambino e proseguita negli anni attraverso tanti chilometri percorsi su meravigliosi sentieri immersi nella natura, studiando minuziosamente, passo dopo passo, il territorio, scegliendo con cura ogni punto di vista, ammirando senza fiato le cime maestose: vedrà la luce in primavera "Gran Sasso d'Italia", libro fotografico di altissima qualità, realizzato dal fotografo professionista e geologo Giulio Speranza. Il libro accoglierà 46 scatti che il fotografo ha realizzato usando fotocamere a corpi mobili (banchi ottici) e pellicola bianco e nero di grande formato: un metodo di lavoro "vecchio", artigianale e lento, poco usato per la fotografia di paesaggio in montagna ma che permette di comunicare l'anima stessa del paesaggio, con tutta la bellezza, le forme e le vibrazioni dell'Appennino centrale.
    Il progetto ha dunque caratteristiche ambiziose e per realizzarsi (400 copie, numerate e firmate, pronte ad aprile 2020 e stampate presso la Longo di Bolzano, con testo introduttivo dell'autore e prefazione di Claudio Faccenna) ha bisogno di un contributo collettivo: l'autore infatti, che ha già investito tempo e risorse materiali ("durante gli ultimi due anni, ogni battito del mio cuore è stato speso per realizzare il progetto", scrive Speranza), chiede l'aiuto di tutti tramite il crowdfunding sulla piattaforma kickstarter.com. "Di fatto non smetterò mai di fotografare queste montagne, il Gran Sasso e l'Appennino Centrale, continuando in questo modo a concretizzare il mio amore per la ricerca, per la fotografia e la montagna", scrive Speranza sulla pagina della campagna di crowdfunding, "questo mio primo libro, che realizzerò grazie al vostro aiuto, è come una promessa solenne, che faccio a tutti voi, di continuare su questa strada". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Tutte le foto