19:28

Uccide padre durante lite poi chiama Cc

Nell'Aretino 18enne spara al padre, inutili i soccorsi

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - AREZZO, 27 FEB - Diciottenne uccide il padre a fucilate durante una lite poi chiama i carabinieri e si costituisce. E' accaduto la notte scorsa in una villetta alle porte di Lucignano, in provincia di Arezzo. La vittima aveva 51 anni ed era un fabbro.
    In base ad una prima ricostruzione, si tratterebbe di un delitto d'impeto ma i carabinieri, intervenuti con il sostituto procuratore Laura Taddei, non esclude alcuna ipotesi. Da chiarire i motivi che hanno fatto degenerare la discussione in tragedia.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

19:27

Furbetti cartellino,sit-in: licenziateli

Protestano precari sanità, date il posto a noi

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - NAPOLI, 27 FEB - Sit in davanti al Loreto Mare, ospedale dove sono indagate per assenteismo 94 persone. In piazza gli aderenti al Movimento infermieri campani e professioni sanitarie, che chiedono l'allontanamento dei dipendenti infedeli. "Siamo vincitori di concorso fuori regione - dice una delle manifestanti - lavoriamo in altre città, siamo precari mentre qui i colleghi che hanno un lavoro sono assenteisti. Perché non si fanno scorrere le graduatorie di mobilità, dando il posto a noi?". Chiede esplicitamente il licenziamento delle persone indagate il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Borrelli: "A casa chi ha sbagliato e nessun passo indietro. La magistratura sia implacabile nei loro confronti".
    Il Codacons, intanto, si è costituito parte lesa: l'avvocato Giuseppe Ursini spiega che "ritardi e assenze hanno arrecato un danno ai cittadini e alla loro salute".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA



18:50

Sala e Renzi, un'ora a casa del sindaco

In mattinata insieme a messa per Sozzani, poi incontro a Brera

Chiudi Sala e Renzi in una foto di archivio (ANSA) Sala e Renzi in una foto di archivio

(ANSA) - MILANO, 27 FEB - È durato circa un'ora l'incontro tra il sindaco di Milano, Giuseppe Sala e il segretario uscente del Pd Matteo Renzi. I due, a quanto si apprende, si sono incontrati a casa del sindaco di Milano, in zona Brera. Domani a Palazzo Marino, sede del Comune di Milano, arriva invece il premier Paolo Gentiloni per la sua prima visita istituzionale. Al centro dell'incontro di domani tra Sala e Gentiloni, oltre al Patto per Milano, la partita per portare nel capoluogo lombardo la sede dell'Ema, l'Agenzia europea del farmaco a Milano. L'agenzia infatti dopo la Brexit lascerà Londra e la partita per portarla a Milano è già iniziata, con il governo che si è mobilitato insieme alle istituzioni locali.(ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA



18:15

Mose: Galan dovrà risarcire 5,8 mln

Legale ex presidente Veneto 'presenteremo appello'

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - VENEZIA, 27 FEB - L'ex presidente della Regione Veneto, Giancarlo Galan, deve risarcire 5.8 milioni di euro per il danno all'immagine e da disservizio provocati all'ente per il coinvolgimento nello scandalo Mose. Nello specifico 5,2 milioni per il danno all'immagine e la somma restante per il disservizio. La sentenza di condanna è stata emessa dalla Corte dei Conti del Veneto. Il legale di Galan, Franco Zambelli, ha annunciato di voler presentare appello.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

18:15

Fi,salvaguardare Agenzie stampa italiane

Brunetta, Bando gara Ue penalizzerà realtà italiana

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - ROMA, 27 FEB - "Ok Fnsi. Salvaguardare Agenzie Stampa Nazionali e lavoratori del settore. Bando gara Ue penalizza realtà italiane. @LottiLuca batta un colpo". Lo scrive su Twitter Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati.All'appello si aggiunge anche la vice capogruppo alla Camera Mariastella Gelmini.
    "Condivido fino in fondo l'appello della Federazione Nazionale della Stampa Italiana che denuncia la scelta del Dipartimento Editoria della Presidenza del Consiglio dei Ministri per aver scelto un bando di gara europeo per l'assegnazione dei contratti di servizio con le Agenzie di Stampa Nazionali per l'informazione giornalistica primaria italiana a partire dal secondo semestre dell'anno 2017. Una scelta grave che penalizza l'informazione italiana e i livelli occupazionali dei giornalisti impegnati a mantenere una informazione parlamentare e politica nel nostro Paese di qualita'".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Pubblicità