Cremlino, impensabile Russia in Siria

'Contatti tra presidenti e ministri Mosca e Ankara'

(ANSA) - MOSCA, 14 OTT - "Non ci piace nemmeno pensarlo".
    Così ha risposto il portavoce del Cremlino Dmitri Peskov quando gli è stato chiesto se la Russia potrebbe essere trascinata nel conflitto siriano a causa dell'intervento turco. Peskov ha poi precisato che fra Mosca e Ankara vi sono stati contatti al livello "dei presidenti" e "dei ministeri degli Esteri" nonché "fra le strutture militari". Peskov non ha però commentato in modo chiaro le affermazioni di Erdogan secondo cui l'intervento è stato concordato con Putin. Gli attuali sviluppi in Siria - ha aggiunto il consigliere per gli Affari Esteri del Cremlino Yury Ushakov - non riflettono del tutto la posizione della Russia a favore del mantenimento dell'integrità territoriale del Paese.
    Il Cremlino invita la Turchia ad agire "in accordo con la situazione nel nord-est della Siria e ad astenersi da iniziative che possano vanificare il processo di pace".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA