Salvini a Cei, follia aprire porti

Dovere buon politico occuparsi di italiani prima degli stranieri

(ANSA) - ROMA, 23 SET - "Con tutto il dovuto rispetto per la CEI, con milioni di Italiani (e tanti immigrati regolari e perbene) senza casa, senza lavoro e senza speranza, è dovere di un buon politico italiano occuparsi prima di queste sorelle e fratelli in difficoltà, poi anche del resto del mondo. Aiutare i pochi che scappano davvero dalla guerra è un dovere, aprire i porti italiani a tutto il mondo è una follia". Così il segretario della Lega Matteo Salvini, in una nota, commenta le parole del vice presidente della Cei, mons. Mario Meini, ai lavori del Consiglio episcopale permanente.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA