Pakistan, Sana è stata strangolata

In carcere si trovano padre, fratello e zio

(ANSA) - MILANO, 9 MAG - Sana Cheema, la giovane italo-pachistana morta il 24 aprile in Pakistan in una vicenda di sospetto 'delitto d'onore', è stata strangolata secondo i risultati dell'autopsia realizzata dal Laboratorio forense del Punjab.
    L'autopsia, rivela il rapporto di cui l'ANSA ha ricevuto un estratto, mostra che "l'osso del collo è stato rotto", indizio che orienta verso un decesso per strangolamento. La ragazza, che viveva a Brescia, è stata uccisa dopo aver rifiutato, secondo i suoi amici, un matrimonio combinato deciso per lei dalla famiglia. Il padre della ragazza, Ghulam Mustafa, il fratello Adnan Mustafa e lo zio Mazhar Iqbal sono in arresto già da alcune settimane.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA