Il '68, l'arte ribelle da Isgrò a Ceroli

Dal 12/10 a Milano un decennio tra cultura e protesta politica

(ANSA) ROMA 30 SET - A quasi cinquant'anni dal 1968, da quel vento di ribellione e speranza rivoluzionaria che ha attraversato il mondo, una grande mostra allestita dal 12 ottobre al 9 dicembre negli spazi della Galleria Credito Valtellinese racconta l'incontro cruciale tra arte e protesta politica che animò anche il decennio successivo. Esposte circa 80 opere, realizzate da artisti quali Schifano, Angeli, Balestrini, Baruchello, Mauri, Ceroli, Isgrò, Echaurren, che saranno affiancate da una nutrita serie di documenti illustrati, nonché testimonianze fotografiche capaci di restituire le atmosfere e il costume dell'epoca.
    Con il titolo 'Arte ribelle. 1968-1978 Artisti e gruppi dal Sessantotto', la rassegna ha lo scopo di indagare le più significative espressioni artistiche chiaramente ispirate alle spinte libertarie sessantottine, ma sviluppatesi già a partire dal 1965, con le prime proteste per la guerra del Vietnam, e proseguite poi almeno sino alla metà degli anni '70.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA