500 donne straniere fermate a Mosul

Sono sospettate di essere affiliate all'Isis

(ANSA) - BEIRUT, 14 SET - Le autorità irachene hanno reso noto oggi che più di 500 donne non irachene e sospettate di essere affiliate allo 'Stato islamico' sono detenute in un carcere vicino a Mosul, ex roccaforte dell'Isis nel nord del paese. Secondo la tv irachena al Iraqiya, che ha citato non meglio precisate fonti governative, 531 donne sono state fermate dentro e fuori Mosul nelle settimane scorse dopo che erano state separate da altre donne e numerosi bambini in fuga dalla città rimasta in mano dall'Isis dal 2014 allo scorso febbraio. Il fermo delle centinaia di donne non irachene, precisa al Iraqiya, è motivato dal fatto che le autorità stanno svolgendo indagini sulla presunta affiliazione delle donne allo 'Stato islamico'.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA