Cei, politica non ha fatto suo mestiere

Anormale sempre intervento giudici. Elezioni non siano diversivo

(ANSA) - ROMA, 26 GEN - "Mi pare che sia sotto gli occhi di tutti che ci siano due leggi elettorali frutto del lavoro della magistratura. Non è normale un Paese in cui la magistratura detta tempi e modi all'amministrazione, vuol dire che la politica non ha fatto il suo mestiere". Lo ha detto il segretario generale della Cei, mons. Nunzio Galantino, parlando della sentenza della Consulta sull'Italicum. "La politica deve riflettere e interrogarsi su questo" ha detto Galantino. Quanto invece ai tempi delle elezioni, Galantino ha sottolineato: "Non sta a noi decidere la data del voto, quel che diciamo è che è importante che l'elezione non sia un diversivo, uno strumento con cui Tizio si prenda la rivincita su Caio.
    Occorre risolvere i problemi e non rinviare le soluzioni. Le elezioni possono cambiare il mondo, vedete l'America, ma possono essere anche un diversivo per chi si vuole contare".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA