Football Usa,c'è nesso CTE e colpi testa

Confermati per prima volta danni cerebrali da colpi testa

(ANSA) - WASHINGTON, 15 MAR - Per la prima volta un dirigente della potente 'National Football League' americana (NFL) ha riconosciuto il legame diretto tra i traumi cranici subiti dai giocatori e la comparsa dell'encefalopatia cronica: la grave malattia degenerativa cerebrale di cui soffrono proprio molti atleti della NFL. A riconoscere il nesso tra i colpi alla testa subiti durante le partite del gioco e la patologia, è stato il vicepresidente per le politiche di sicurezza e della salute dell'NFL, Jeff Miller, nel corso di una tavola rotonda organizzata dalla commissione della Camera Usa sul governo ed il commercio. Rispondendo alla domanda di Jan Schakowsky - deputato dell'Illinois - sulla possibile connessione tra "football e la malattia del cervello degenerativa", Miller ha citato lo studio della ricercatrice Ann McKee della Boston University: "Certamente l'indagine ha mostrato che un certo numero di giocatori della NFL in pensione sono stati diagnosticati con la 'encefalopatia cronica traumatica' (CTE)".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA