Il Campidoglio tra mito e memoria

Ai Capitolini dipinto di Turner per la prima volta a Roma

(ANSA) - ROMA, 29 FEB - Dalla veduta di Campo Vaccino di Turner, visionaria e sublime, esposta per la prima volta a Roma grazie al prestito del Getty Museum, alle incisioni di Juvarra o Piranesi fino alla documentazione delle trasformazioni urbanistiche della seconda metà dell'800, nonché le più recenti scoperte archeologiche, il mito e la memoria del Campidoglio, cuore civile e religioso della città eterna, rivivono in una mostra allestita dal 1 marzo al 19 giugno ai Musei Capitolini.
    Di particolare interesse anche tre plastici dell'area, da poco recuperati, e i reperti riemersi negli scavi del 2008-'14, che aprono a nuove congetture sul Tempio di Giove. Intitolata 'Campidoglio. Mito, memoria, archeologia', l'esposizione vuole raccontare le trasformazioni del tessuto urbano del colle, partendo però dallo sguardo irrazionale ed emotivo che per secoli ne ha accompagnato la percezione da parte soprattutto di artisti e letterati europei, che avevano fatto di Roma la capitale ideale del loro Grand Tour.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA