Lo Monaco nei panni di Pietro Grasso

Sebastiano Lo Monaco torna nei panni magistrato Pietro Grasso

(ANSA) - ROMA, 21 FEB - ''Bisogna parlare, urlare, perché il silenzio è l'ossigeno che alimenta il sistema criminale e la simbiosi con i poteri politici si rafforza''. Lo dice a gran voce in palcoscenico Sebastiano Lo Monaco, che a 30 anni dalla prima udienza del Maxi processo a Cosa Nostra (si aprì il 10 febbraio 1986 a Palermo) torna a teatro in ''Per non morire di mafia'', spettacolo tratto dal libro dell'ex Procuratore Nazionale Antimafia, oggi Presidente del Senato, Pietro Grasso e Alberto La Volpe (ed. Sperling e Kupfer).
    In scena, al Ghione di Roma dal 23 al 28 febbraio e poi a Urbino, Savona e Pavia con la regia di Alessio Pizzech, il monologo di un uomo ''contro'', le riflessioni, gli interrogativi di un magistrato, amico e collaboratore di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, a confronto con il volto più cupo e drammatico della sua terra: quello dei morti ammazzati, dell'illegalità diffusa, dell'omertà. Di fronte a lui, i capi di Cosa Nostra, da Riina a Provenzano, nel più grande processo penale realizzato al mondo.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA