Coronavirus, cancellata fiera telefonia di Barcellona

L'organizzazione, l'epidemia rende impossibile farla

Il Mobile World Congress, la più importante fiera della telefonia mobile in programma a fine febbraio a Barcellona, non si farà a causa del coronavirus. Lo ha deciso la Gsma, l'associazione mondiale degli operatori delle telecomunicazioni che organizza l'evento, al termine di una lunga riunione. Il Ceo dell'associazione John Hoffman ha spiegato che l'epidemia ha reso "impossibile" fare l'evento.

"Dalla prima edizione del 2006 la Gsma ha convocato l'industria, i governi, i ministri, i responsabili politici, gli operatori e i leader del settore in tutto l'ecosistema più ampio - si legge nel comunicato ufficiale - Tenendo in debita considerazione l'ambiente sicuro di Barcellona e del paese ospitante. Abbiamo annullato l'edizione 2020 perché la preoccupazione globale per l'epidemia di coronavirus, per i viaggi e altre circostanze, rende impossibile per Gsma organizzare l'evento. Gsma e gli operatori che di Barcellona continueranno a lavorare all'unisono e si sosterrano per il Mwc del 2021 e le future edizioni. La nostra vicinanza in questo momento va alle persone colpite in Cina e in tutto il mondo".

La decisione è arrivata in una riunione d'urgenza, dopo una valanga di defezioni degli ultimi giorni. Una quarantina le aziende che avevano già cancellato la partecipazione. Tra cui Nokia, Vodafone, Intel, Facebook, Lg, Amazon, Sony, Asus, Ericsson, Cisco, le produttrici di smartphone Vivo, Ulefone, Umidigi e Royole. Così come l'operatore telefonico statunitense Sprint, quello giapponese NTT DoCoMo, Deutsche Telekom, British Telecom. Tutte hanno rinunciato "per la sicurezza dei dipendenti".

Da sottolineare che il board dell'organizzazione della kermesse, presieduto da Stephane Richard che è anche il Ceo di Orange, il maggiore operatore di telefonia francese, aveva confermato che non prendeva parte al Mobile World Congress. 

L'epidemia del coronavirus, oltre che impattare sulle persone sta colpendo pesantemente l'economia e il settore tecnologico con gli analisti che parlano di effetto 'cigno nero' e stime al ribasso per il mercato cinese degli smartphone. Nel primo trimestre 2020 - secondo Counterpoint Research - sono previste le consegne di 63 milioni di unità contro i 90 milioni stimati in precedenza, con un calo del 32%. A "soffrire" di più potrebbe essere Huawei. A pesare, aggiungono gli analisti di Idc, anche le "incertezze nel medio e lungo termine sui programmi di lancio dei nuovi prodotti, sulla catena di approvvigionamento e sui canali di distribuzione". Molte delle aziende tecnologiche cinesi sono state infatti chiuse e la loro ripresa è con la manodopera a ranghi ridotti. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie