Antitrust multa Apple e Samsung. Cellulari invecchiano

Aggiornamenti pesano e bisogna cambiarli. Samsung fa appello

L'Antitrust ha condannato Apple e Samsung per aver di fatto reso deliberatamente obsolescenti e inutilizzabili alcuni smartphone con una pratica commerciale "scorretta" che alla fine costringeva il consumatore ad acquistare un nuovo telefono portatile, magari dopo aver speso cifre considerevoli nel tentativo di riparare il telefonino danneggiato. Una pratica che in paesi come la Francia, viene definita "obsolescenza programmata" ed è vietata per legge. Al termine dell'istruttoria l'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha condannato Apple e Samsung a pagare rispettivamente 10 e 5 milioni di euro di multa.

Soddisfatte le organizzazioni dei consumatori - Altroconsumo, Codacons, Federconsumatori, Unione Nazionale Consumatori - che hanno denunciato le due società e adesso stanno valutando azioni collettive contro le due società. Samsung, da parte sua, ha annunciato un appello rivendicando la propria correttezza. " Abbiamo sempre rilasciato aggiornamenti software che consentissero ai propri utenti di avere la migliore esperienza possibile" afferma la società.

Nel corso dell'indagine Antitrust, supportata dal Nucleo speciale della Guardia di Finanza, è emerso che sia Apple sia Samsung inducevano i consumatori, mediante insistenti richieste, a scaricare degli "aggiornamenti" del sistema operativo che, programmati per smartphone di ultima generazione, provocavano gravi disfunzioni a quelli più vecchi riducendone le prestazioni in quanto non potevano supportare gli aggiornamenti. Inoltre non venivano fornite adeguate informazioni ai clienti e neppure veniva dato modo di ripristinare le originarie funzionalità dei prodotti. Insomma una vera "obsolescenza programmata" indotta nei propri smartphone. In particolare, Samsung avrebbe insistentemente proposto ai possessori di un Note 4 (immesso sul mercato nel settembre 2014) di procedere ad installare il nuovo firmware di Android denominato Marshmallow predisposto per il nuovo modello di telefono Note 7, senza informare dei gravi malfunzionamenti dovuti alle maggiori sollecitazioni dell'hardware e richiedendo, per le riparazioni fuori garanzia connesse a tali malfunzionamenti, un elevato costo di riparazione.

Quanto a Apple, essa avrebbe insistentemente proposto, dal settembre 2016, ai possessori di vari modelli di iPhone, di installare il nuovo sistema operativo iOS 10 sviluppato per il nuovo iPhone7, senza informare delle maggiori richieste di energia del nuovo sistema operativo e dei possibili inconvenienti - quali spegnimenti improvvisi - che tale installazione avrebbe potuto comportare. Inoltre, Apple non ha predisposto alcuna misura di assistenza per gli iPhone che avevano sperimentato problemi di funzionamento non coperti da garanzia legale, e solo nel dicembre 2017 ha previsto la possibilità di sostituire le batterie ad un prezzo scontato.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA