Agcom all'attacco dei servizi non richiesti, arriva mail

Parte sperimentazione con clienti per far emergere criticità

ROMA - Limitare le attivazioni di servizi premium (Vas) nella telefonia mobile, non volute o non richieste dai consumatori, e definire una procedura unificata di rimborso delle somme non dovute in caso di acquisti privi del consenso.

Con queste finalità lo scorso novembre l'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha autorizzato, sulla base di una serie di proposte avanzate dagli operatori di telecomunicazione e dai fornitori di contenuti, l'avvio di una sperimentazione che, da oggi, potrà avvalersi anche della preziosa collaborazione dei consumatori. Scrivendo all'indirizzo mail sperimentazioneVAS@agcom.it, gli utenti potranno infatti far emergere le criticità riscontrate nell'attuazione delle nuove procedure di acquisto proposte dagli operatori e dai content service providers.

La fase di sperimentazione, spiega la nota, si concluderà presumibilmente entro la metà del 2018, permettendo all'Autorità di valutare nel loro complesso le misure volte a superare il fenomeno delle attivazioni inconsapevoli di servizi premium.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA