Auto, videocamera e 'tracker' per l'IoT di Vodafone

Dispositivi hanno sim card dedicate e si attivano con un'app

MILANO - Dall'automobile al collare di cani e gatti domestici: dopo aver creato una rete di oggetti connessi per il mondo delle imprese, Vodafone lancia una nuova piattaforma per l'Internet delle cose rivolta al mercato consumer. Si chiama "V by Vodafone" ed è un ecosistema che comprende un'app per smartphone, le sim card dedicate e quattro nuovi dispositivi.
La "V-Camera by Vodafone" è una videocamera "smart" con batteria al litio ricaricabile, per interni ed esterni, che grazie alla rete mobile di Vodafone permette all'utente di avere sempre un occhio aperto dentro e fuori casa. Vincitrice di un premio al Ces 2017, la videocamera è stata pensata per un servizio di videosorveglianza in luoghi con accesso limitato o del tutto privi di Wi-Fi, come barche, giardini, case di villeggiatura o per quando si è in viaggio. Tramite app è possibile visualizzare le immagini in tempo reale e anche registrare.
"V-Auto by Vodafone" è un dispositivo per trasformare la propria vettura in un'auto connessa.[T] Permette di capire sempre dove sia la propria auto, in movimento o parcheggiata, monitora lo stile di guida del conducente assegnandogli un punteggio e funziona da dispositivo di sicurezza abilitando una chiamata di "SOS" in caso di emergenza.
Gli altri due dispositivi della famiglia "V by Vodafone" sono due localizzatori: V-Bag, pensato per tener traccia sempre e ovunque di borse, zaini, valigie, e V-Pet, che invece si aggancia al collare del proprio animale domestico, cane o gatto, per monitorarne spostamenti e attività. Tra le funzioni, entrambi consentono di impostare un perimetro preciso di movimento oltre il quale si riceve una notifica di avviso sul telefonino.
I dispositivi "V by Vodafone" funzionano con le nuove sim card per l'IoT dell'operatore e saranno disponibili inizialmente solo per i clienti mobili di Vodafone. Il costo dei servizi, di 3 o 5 euro senza limite di utilizzo, viene addebitato sulla sim principale ogni 28 giorni. I clienti di altri operatori potranno registrarsi per l'utilizzo dei dispositivi nei prossimi mesi.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA