Addio a Motorola, il marchio che inventò il telefono cellulare

Lo ha deciso Lenovo, che l'ha acquistata da Google nel 2014

Addio anche e Motorola: se ne va, dopo Nokia, anche un altro pioniere della telefonia che fece la sua fortuna tra gli anni '80 e '90. Lenovo, l'azienda cinese che ha comprato la società da Google nel 2014, ha deciso a partire da quest'anno e in maniera graduale di far sparire il marchio Motorola dai suoi dispositivi. L'ufficialità della notizia è stata data nel corso del Ces di Las Vegas, la più grande fiera dell'elettronica del mondo che chiude il 9 gennaio. 

Secondo il sito Cnet, che per primo ha dato la notizia, Lenovo gradualmente metterà in produzione due diverse linee di dispositivi: Moto che sarà utilizzato per i prodotti di fascia alta e Vibe che sarà usato sui dispositivi di fascia medio-bassa. "Il marchio Motorola sarà eliminato gradualmente e ci focalizzeremo su Moto", ha spiegato Rick Osterloh, Chief Operating Officer di Lenovo, durante un'intervento al Ces, la più grande fiera dell'elettronica che si tiene in questi giorni a Las Vegas. Il manager ha spiegato che l'azienda sta unificando i suoi business relativi alla telefonia, raggruppandoli sotto l'unico marchio Lenovo

Motorola, pioniere della telefonia mobile con il DynaTac, poi con il Microtac e lo Startac, il primo cellulare a conchiglia, e negli anni Duemila con il Razr, è stata acquisita da Google nel 2012 per circa 12 miliardi di dollari e poi venduta a Lenovo due anni dopo, per circa 2 miliardi di dollari. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA