Doublicat, app che genera in automatico deepfake

Usa l'AI per sostituire volti, società rassicura su privacy

In un momento in cui si parla molto del fenomeno deepfake, video o immagini manipolate che vengono considerate la nuova frontiera della disinformazione, spunta un'app che permette di sostituire il proprio volto ad un fermo immagine. Si chiama Doublicat e rischia di diventare un caso come FaceApp, l'applicazione che invecchia i volti diventata popolare qualche mese fa. In sostanza Doublicat sfrutta l'intelligenza artificiale per creare un deepfake con il proprio volto.

Per utilizzarla basta scattarsi un selfie e scegliere l'immagine in movimento (Gif) in cui trasformarsi. Un esempio mostrato in un video e' la sostituzione del volto di un utente ad un fotogramma di un film con Leonardo DiCaprio. L'applicazione è sviluppata da NeoCortext, la stessa società che qualche tempo fa ha lanciato Reflect, l'app di sostituzione facciale basata sull'intelligenza artificiale e dedicata alle foto. NeoCortex assicura gli utenti sulla privacy, di non immagazzinare i dati biometrici e di cancellare immediatamente i selfie scattati. Secondo indiscrezioni di qualche giorno fa, anche TikTok starebbe realizzando un generatore di deepfake.

Mentre invece le grandi aziende tecnologiche si stanno impegnando per combattere il fenomeno. Amazon, Facebook e Microsoft hanno messo insieme una 'Deepfake Detection Challenge', mentre Google ha condiviso un database contenente diversi filmati deepfake allo scopo di allenare i meccanismi di riconoscimento a smascherare i video contraffatti.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie