Huawei twitta sul sistema operativo, poi elimina il post

Mistero sui tempi di lancio, in rete notizie contrastanti

Il sistema operativo (OS) "fatto in casa" da Huawei arriverà nei prossimi mesi. O forse no. In rete circolano notizie contrastanti in merito ai tempi di lancio dell'OS che potrebbe essere installato sugli smartphone dell'azienda cinese al posto di Android di Google, qualora l'amministrazione Trump non facesse un definitivo passo indietro sui divieti commerciali imposti al colosso asiatico. Stamani Huawei, in un post su Twitter dell'account Huawei Facts, ha annunciato l'arrivo dell'OS entro l'anno e la compatibilità con le app Android. Il post è stato però eliminato a stretto giro, senza spiegazioni né nuove comunicazioni.

Huawei presumibilmente rilanciava un post sul social network cinese Weibo, in cui la rivista locale Caijing cita Richard Yu, presidente della divisione consumer di Huawei, attribuendo al manager dichiarazioni precise: un OS di Huawei sarà disponibile entro l'autunno prossimo o al massimo in primavera.

Di senso opposto è quanto scrive il sito The Information, che riferisce di un'intervista in esclusiva con Yu e sostiene che l'OS sia "lontano dall'esser pronto".

Le notizie sono contrastanti anche riguardo alla compatibilità o meno dell'OS con le app Android. Secondo Caijing, l'OS sarà compatibile con tutte le applicazioni Android e le applicazioni web, e funzionerà su telefoni, tablet, computer, tv, auto e dispositivi indossabili. The Information mette invece in dubbio la compatibilità, dato che l'OS avrebbe bisogno di app sviluppate ad hoc.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA