L'Intelligenza Artificiale termina l'Incompiuta di Schubert

Iniziativa di Huawei, la sinfonia è stata eseguita a Londra

Completare la Sinfonia No. 8 in Si minore di Schubert, conosciuta come l'Incompiuta, a distanza di 197 anni dal suo componimento, grazie all'intelligenza artificiale. L'idea è di Huawei, che unendo l'AI alla creatività umana del compositore Lucas Cantor ha portato a termine gli ultimi due movimenti della sinfonia. La compagnia cinese ha quindi portato in scena l'esecuzione, alla Cadogan Hall di Londra. I 66 elementi della English Session Orchestra si sono esibiti di fronte ad una platea di oltre 500 ospiti, rappresentando per la prima volta la conclusione della celebre Sinfonia No. 8 di Schubert.

L'Incompiuta firmata da Huawei è stata creata usando un modello di intelligenza artificiale che sfrutta la potenza di elaborazione dello smartphone Mate 20 Pro. Analizzando il timbro, il tono e il metro del primo e del secondo movimento della sinfonia, l'AI è stata in grado di generare la melodia per i mancanti terzo e quarto movimento. Con questa melodia, Cantor ha quindi creato una partitura orchestrale.

"Il mio ruolo è stato quello di estrarre il meglio dall'AI, affinarlo e renderlo pronto per essere suonato da un'orchestra sinfonica. Il risultato dimostra ancora una volta che la tecnologia offre incredibili possibilità", ha commentato Cantor.

Per il compositore Giovanni Allevi "è l'inizio di una collaborazione musicale tra l'uomo e il computer, che va giudicata in vista di sviluppi futuri, come se fosse il primo volo dei fratelli Wright. D'ora in poi molta nuova musica sgorgherà dai circuiti di un microchip, ma fortunatamente il genio proviene da una scintilla divina: culliamoci nell'idea che assai difficilmente potrà mai essere riprodotto da un computer".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA