Google, da gennaio nuovi strumenti protezione su web

'Un utente su 5 si è imbattuto in siti con contenuti indesiderati'

ROMA - In arrivo da gennaio nuovi strumenti di protezione sul web per gli utenti che vengono reindirizzati a contenuti indesiderati o fittizi. Li mette in campo Google per il suo programma di navigazione sul web Chrome, dando anche la possibilità ai proprietari dei siti di verificare se ci sono violazioni sulle loro piattaforme. Le novità annunciate in un blogpost.

Le violazioni dei siti si presentano come un comando che sembra avere una funzione ma una volta cliccato si comporta in maniera diversa. Ad esempio, può avere l'aspetto di un pulsante per riprodurre un video ma rimanda l'utente su un download non desiderato; oppure ha l'aspetto di un pulsante di chiusura di una finestra ma apre invece delle finestre non desiderate. "Un numero limitato di sviluppatori usa la flessibilità e la potenza del web per approfittarsi degli utenti e reindirizzarli verso destinazioni diverse da quelle volute - sottolinea Google -. Tra i riscontri che riceviamo dal desktop, 1 su 5 racconta di essersi imbattuto in un qualche tipo di contenuto indesiderato.

Da gennaio il blocco popup di Chrome impedirà ai siti con questi tipi di gravi violazioni di aprire nuove finestre". Per aiutare i proprietari dei siti la società lancia nella Google Search Console anche l'Abusive Experiences Report: lo strumento potrà essere usato se vengono rilevate violazioni sul proprio sito e migliorare l'esperienza dell'utente. "Le gravi violazioni non risolte entro 30 giorni attiveranno il blocco di nuove finestre e tab", aggiunge Google.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA