Addio a storica chat di Aol, soppiantata da app

Aim, fu lanciata nel 1997, chiuderà il 15 dicembre

ROMA - I più giovani abituati a Messenger e Telegram alzeranno le spalle, ma a chi ha qualche anno in più la notizia può far effetto. Chiude dopo 20 anni Aim, storico servizio di chat di Aol.

L'acronimo sta per AOL Instant Messenger, il servizio fu lanciato nel 1997 ed è stato uno dei più usati tra fine anni Novanta e i primi anni Duemila quando ancora si comunicava prevalentemente dal computer. Raccolse subito molti utenti anche grazie ad un sistema multipiattaforma che si 'appoggiava' anche ad altri servizi di Apple e Google.

Intorno al 2006, Aim aveva addirittura il 50% del mercato della messaggistica istantanea negli Stati Uniti, poi è iniziato il lento declino per l'avanzata degli smartphone: hanno cambiato totalmente lo scenario e introdotto piattaforme più adatte al 'mobile', come WhatsApp che ora è la regina con 1,3 miliardi di utenti su base mensile.

Aim chiuderà i battenti il prossimo 15 dicembre seguendo così il destino di altri 'colossi' del passato come Microsoft Messenger e Yahoo Messenger, che hanno già da tempo lasciato spazio alle alternative più nuove.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA