Apple rilascia macOS High Sierra

Analista rileva falla sicurezza che mette a rischio le password

ROMA - Dopo iOS 11 arriva anche il nuovo sistema operativo dei computer Mac: Apple ha rilasciato, come aggiornamento gratuito, la versione definitiva del software macOS High Sierra. Un rilascio accompagnato da alcune criticità, come la lentezza di download segnalata da diversi utenti e la falla di sicurezza riscontrata da un esperto informatico.

La vulnerabilità è stata scovata da Patrick Wardle, ex analista della NSA, che l'ha mostrata in un video condiviso su Twitter. Si tratta di una falla, presente anche su versioni precedenti del sistema operativo dei Mac, che permetterebbe agli hacker di rubare le password del computer salvate nel "portachiavi", l'app che archivia per l'utente le informazioni per accedere ai vari account online. Wardle dice di averla segnalata ad Apple a inizio mese e pensa che un correttivo arrivi quanto prima. 

"macOS è stato progettato per essere sicuro di default, e Gatekeeper sconsiglia gli utenti di installare applicazioni non firmate, come quella mostrata in questo proof of concept, e impedisce loro di avviare l'app senza esplicita approvazione. Incoraggiamo gli utenti a scaricare software solo da fonti di fiducia come il Mac App Store e prestare la dovuta attenzione ai dialog di sicurezza che macOS mostra”, spiega Apple. 

Diverse le novità che High Sierra porta ai computer Mac: il nuovo sistema per archiviare file e versioni rinnovate di Foto, Safari e Mail.
   
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA