Snapchat apre ai giornali universitari

Negli Usa, nuova fonte di entrate strizzando l'occhio ai giovani

ROMA - Incalzata da Facebook e Instagram, Snapchat rilancia sull'editoria per far breccia nel cuore dei più giovani, teenager ma non solo. Va in questa direzione la collaborazione che l'app dei messaggi "usa e getta" ha annunciato con una nuova schiera di editori: i giornali di college e università.

Dopo essersi assicurata i contenuti di media di peso come Cnn o New York Times, Snapchat mostrerà anche gli articoli, i video e le storie dei giornali studenteschi. Oltre a riacchiappare una fetta di giovani utenti che rischia di 'emigrare', Instagram in testa, Snapchat ci guadagna anche economicamente perché in questa offerta editoriale è prevista la vendita di spazi pubblicitari. I ricavi saranno divisi tra i giornali universitari e Snap.

La mossa non sorprende visto che le persone si informano sempre di più tramite i social media: una recente indagine del Pew Research Center ha evidenziato che ormai due terzi degli americani si informano su piattaforme come Facebook, YouTube e Snapchat. E del resto gli stessi utenti dell'app del fantasmino giallo sembrano gradire e chiedere più informazione: tramite la piattaforma si informa il 29% degli iscritti (quota aumentata rispetto al 17% dello scorso anno).

La collaborazione di Snap con la stampa universitaria, riporta il sito Re/Code, partirà con quattro giornali: The Daily Californian di UC Berkeley, The Battalion di Texas A&M, The Daily Orange di Syracuse e The Badger Herald dal Wisconsin. Le Storie create da queste testate avranno restrizioni geografiche: saranno disponibili solo agli utenti che si trovano negli spazi universitari. 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA