Google trasforma i selfie in stickers

Novità in chat Allo, combina reti neurali e lavoro di artisti

ROMA - Gli adesivi con cui si esprimono situazioni e stati d'animo nelle chat diventano più personalizzati. Google ha infatti reso gli stickers molto somiglianti a chi li utilizza, creandoli a partire proprio da un selfie dell'utente.

La novità riguarda la app di messaggistica Allo. Gli sviluppatori di Google hanno sfruttato le reti neurali artificiali impiegate nel campo del machine learning, cioè dell'apprendimento automatico, e le hanno unite alle illustrazioni di alcuni artisti. Ne è nata la possibilità di sfornare un pacchetto di adesivi partendo da un selfie. Gli stickers possono essere ulteriormente modificati dall'utente attraverso una serie di opzioni.

Il risultato è talmente customizzato che - sottolinea Google sul suo blog - esistono 563 milioni di miliardi di combinazioni diverse. Non per tutti, però, sarà possibile provarle subito. La funzione è infatti in fase di distribuzione sui dispositivi Android, mentre arriverà "presto" su iPhone e iPad.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA