Messenger, chatteremo con utenti virtuali

Consentirà sviluppo di 'chatbot' che rispondono a richieste

Facebook vuole potenziare la sua chat portando su Messenger i "chatbot", una sorta di utenti virtuali che rispondono con messaggi alle richieste degli utenti in carne e ossa. Stando al sito TechChrunch, il social starebbe dando ad alcuni sviluppatori gli strumenti per costruire chatbot con cui le persone potranno fare acquisti e prenotazioni attraverso una conversazione su Messenger. Secondo quanto riportato dal Wsj un paio di settimane fa, anche Google sarebbe sula stessa scia.

I chatbot dovrebbero essere diversi dall'assistente virtuale 'M' presentato nei mesi scorsi da Facebook, che grazie all'intelligenza artificiale e ad un team dedicato al servizio offre informazioni, consente di fare shopping e di prenotare un albergo semplicemente chattando su Messenger. Mentre 'M' è un prodotto sviluppato dal social, qui l'idea sarebbe infatti di dare agli sviluppatori esterni la possibilità di creare i propri chatbot.

I due prodotti, all'apparenza rivali, dovrebbero in realtà contribuire entrambi a rendere Messenger una piattaforma più potente e completa, con lo shopping, le news e una serie di altri servizi, come la possibilità recentemente introdotta di prenotare una corsa con Uber. Il modello è quello delle chat orientali come WeChat e Line. In questo filone vorrebbe inserirsi anche Google, che secondo il Wall Street Journal starebbe sviluppando una nuova chat basata sull'intelligenza artificiale.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA