Google apre a tutti 'machine learning'

Da riconoscimento vocale a foto, evoluzione grazie a contributi

Google rende open source, cioè aperta a tutti (ricercatori, ingegneri e sviluppatori di tutto il mondo) la sua piattaforma di machine learning, quella alla base di molte tecnologie sviluppate negli ultimi anni, come la ricerca vocale, il riconoscimento delle foto o la risposta automatica ad una mail.

E' un insieme di sistemi e algoritmi che permette ai computer di "capire" le informazioni che elaborano, in modo da far migliorare il risultato col tempo. In pratica e' come se Big G avesse messo lo sviluppo del futuro nelle mani di chiunque sia in grado di comprenderlo e, a sua volta, di dare un contributo al miglioramento.

La piattaforma si chiama TensorFlow, ed è uno strumento che consente di sfruttare gli algoritmi di machine learning su una singola macchina o dispositivo mobile. Molti dei servizi offerti da Big G si basano sui suoi algoritmi, a partire da Google Maps, passando per Google Now fino ad arrivare a Google Translate o alcune funzionalità di Gmail.

"TensorFlow non è completa, deve essere migliorata ed estesa", spiega Google in un post ufficiale. 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA