Frode dei click, Facebook fa causa

App infettano smartphone per gonfiare le visualizzazioni di spot

(ANSA) - ROMA, 7 AGO - Facebook ha annunciato di aver fatto causa a due sviluppatori di applicazioni, accusati di aver messo in atto una frode dei click. Si tratta della LionMobi con sede a Hong Kong e della JediMobi con base a Singapore. Secondo il social network, le due aziende avrebbero creato applicazioni che iniettano malware, cioè software malevolo, negli smartphone degli utenti, infettandoli.
    Questo malware - spiega Facebook in un comunicato - ha lo scopo di generare "falsi click sulle pubblicità di Facebook che appaiono sui telefoni degli utenti, dando l'impressione che gli utenti abbiano cliccato su quegli spot", in modo da intascare i relativi ricavi pubblicitari.
    Le app sviluppate dalle due realtà asiatiche - e distribuite sul negozio di applicazioni di Google, il Play Store - fanno infatti parte di Audience Network, la rete di Facebook che consente agli editori di guadagnare mostrando, nelle loro applicazioni, le pubblicità degli inserzionisti di Facebook. In pratica, gonfiando in modo fittizio il numero di click su quelle pubblicità, LionMobi e JediMobi hanno ottenuto da Facebook compensi non dovuti.(ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA